Pane, pinza e dolci: Coldiretti prepara il Natale in città

Sabato 22 e domenica 23 dicembre la festa del dolce e salato con il lievito madre nei Mercati di Campagna amica. Occasione d'oro per gustare tanti cibi salutari e natalizi

Foto tratta da Google Immagini

Pane, focaccia, pasta per la pizza e ancora dolci per il Natale della tradizione rurale e non. Sabato 22 e domenica 23 dicembre è la festa del dolce e salato con il lievito madre nei Mercati di Campagna amica con gli agrichef, le donne e gli operatori agricoli pronti a svelare i segreti della bontà fatta in casa e le ricette tramandate da generazioni di famiglie contadine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L'occasione - spiega Coldiretti Veneto - cade proprio nel momento in cui per il prodotto pane è prevista la nuova norma per distinguere il fresco da quello conservato o a durabilità prolungata con le prescrizioni in merito alla denominazione e modalità di vendita». In attesa della ''Pinza Veneta'' per antonomasia il dolce antispreco nonché trionfo del riciclo a tavola, tra le bancarelle degli agricoltori di Treviso spazio alle varie farine ingrediente principale di tutti gli impasti, in quello di Rovigo sul tema c'è anche la promozione sulla linea ''white'', a Padova degustazione guidata e ispirata dal profumo del forno, in centro a Vicenza si prepara la torta della nonna, idem a Verona dove si possono confezionare anche i cesti natalizi. A Mestre si gioca d'anticipo con la presenza della nutrizionista e gli utili consigli sul menù della vigilia. Coldiretti consiglia di consultare il sito www.campagnaamica.it per seguire tutti gli appuntamenti e ricorda che in tutti i mercati, agriturismi, nei punti vendita, nelle piazze proseguono le iniziative di per la raccolta firme 'Stop cibo anonimo', per chiedere all'Europa trasparenza sulla provenienza di quello che si mangia, rendere obbligatoria l'indicazione di origine degli alimenti per proteggere la salute dei cittadini, prevenire le frodi alimentari e garantire i diritti dei consumatori. Sono a rischio ''fake'' nel carrello della spesa un bene alimentare su quattro che non ha l'obbligo di riportare l'origine in etichetta, dai salumi alle marmellate, dai ragù ai sott'oli, dal succo di frutta al pane fino al latte in polvere per  bambini. Le operazioni solidali inserite nel progetto #adottaunalbero con gli abeti scolpiti e rigenerati o le punte recise continuano nel vicentino, nel veneziano, nel trevigiano e pure nel veronese. A Belluno l'attività degli agricoltori è concentrata nella promozione del #comprabellunese al fine di ridare equilibrio alle famiglie e al paesaggio segnato dalla calamità di ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento