Coop Gourmet di Cortina, l'Istituto Dieffe vince con gli "gnocchi olimpici"

La giuria, presieduta da Carlo Cracco, ha assegnato il premio ad un elaborato e colorato piatto creato con patate, pomodori, spinaci, mirtilli, nero di seppia e zafferano

“Gli allievi e i docenti dell’istituto Dieffe di Valdobbiadene ci hanno ormai abituato al profumo dell’alloro: ancora una vota sono arrivati prima, questa volta nella competizione Coop Gourmet di Cortina, con un piatto davvero originale, che abbina due eccellenze del Veneto, cioè le terre Unesco da cui provengono e la candidatura olimpica per i Giochi invernali 2026”. A complimentarsi a distanza con il successo degli allievi e dei docenti della scuola alberghiera e di ristorazione di Valdobbiadene è l’assessore regionale all’Istruzione e alla formazione Elena Donazzan.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sabato i ragazzi di Valdobbiadene, guidati dal preside Alberto Raffaelli e dal docente Alcide Candiotto, si sono posizionati al primo posto nel concorso per aspiranti cuochi Coop Gourmet indetto da Confcooperative nella ‘perla’ delle Dolomiti, sbaragliando gli altri cinque istituti professionali concorrenti. La giuria, presieduta da Carlo Cracco, ha assegnato il premio (un assegno da 2500 euro) ad un elaborato e colorato piatto di ‘gnocchi olimpici’ che, con patate, pomodori, spinaci, mirtilli, nero di seppia e zafferano, ha riprodotto fedelmente il logo dei
cinque cerchi dei massimi Giochi mondiali. “Bravi per fantasia e creatività, oltre che per sapienza culinaria – commenta Donazzan – i ragazzi delle colline di Valdobbiadene, terra da poco insignita del marchio Unesco, hanno fatto centro pensando a Cortina 2026. L’istituto di Valdobbiadene è uno dei fiori all’occhiello del mondo della formazione veneta, fatto di scuole e di docenti appassionati, che sanno valorizzare territorialità ed eccellenze locali e trasmettere ai giovani conoscenze e passione per il lavoro, specie in settori ad alta intensità di capacità umane e relazionali, quali sono quelli della ristorazione, del turismo e dell’accoglienza. Settori strategici per la regione più turistica d’Italia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Covid 19, studio choc di un epidemiologo trevigiano:«Il vaccino? Forse è una chimera»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento