rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Cucina Volpago del Montello

Volpago, un dolce in stile neoclassico dedicato ad Antonio Canova

Un dolce dedicato allo scultore di Possagno: l'idea del Maître Pâtissier Francesco Ornella

VOLPAGO DEL MONTELLO E' nato un nuovo concetto: quello di ridisegnare l’arte del Neoclassico e farne riviverne l’anima attraverso i sensi. L'idea, venuta al Maître Pâtissier Francesco Ornella, non è stata solamente quella di riproporre un'opera del famoso scultore Antonio Canova di Possagno sotto forma di dolce, ma è quella di creare un qualcosa che possa rappresentare il massimo esponente della bellezza neoclassica portandola in un contesto di gusto ed attualità, per ricordare e tener viva l’importanza storica, culturale ed artistica del neoclassicismo alle generazioni future. 

Questo è il messaggio che la dolcezza della pasticceria vorrebbe dedicare con un dolce al Canova ed al legame, nonostante i numerosi viaggi dell’artista in altre terre, col territorio della Marca Trevigiana. Il Maître Ornella, dopo aver frequentato l’Istituto Alberghiero a Possagno, ha conseguito una formazione parigina; con gli anni ha ricevuto diversi prestigiosi premi del settore, ha avviato importanti strutture alberghiere nel triveneto prima di aprire la raffinata pasticceria “Dolceria di Amalia” a Volpago del Montello ed è tuttora consulente pasticcere anche dell’Hotel Belmond Cipriani di Venezia.

Il legame con l’arte di Antonio Canova è sempre rimasto forte in lui e, da qui, la volontà di preparare un dolce che si potesse avvicinare in termini sia estetici che gustativi ai quali Francesco Ornella ha dato nome: "Canova Velvet". La struttura del concept dolce è stata pensata e composta da ingredienti classici della pasticceria italiana: mandorla confettata e crema al caffè, per dare vita ad una texture di morbidezza con innesti croccanti di mais e cioccolato.

Da anni il pasticcere si dedica, infatti, con amore e passione alla ricerca del gusto mediante l’uso di materie prime di alta qualità. E' stata creata così, in collaborazione con FabLab di Unindustria di Treviso, una prima linea cammeo che rappresenta in delicate dimensioni l'opera scultorea "Danzatrice con cembali", con impressi i numeri romani. Successivamente il progetto che racchiude il concetto canoviano ha richiesto più di un anno di elaborazioni, con le collaborazioni grafiche e di design di Adele Robazza, Visual Image Designer, per essere studiato nei minimi dettagli in modo da legare la dolcezza della pasticceria alla grazia del Canova, senza dimenticare la consulenza tecnica di Maria Giovanna Vielli, apprezzata Storica dell’arte veneziana che ha contribuito all’esaltazione ed ai dettagli appartenenti al Neoclassico.

Il dolce Canova Velvet nella sua veste più esclusiva ed in edizioni limitate a meeting e convegni, si presenta in un supporto unico rigorosamente in veste marmorea «scolpito» dall'azienda di Altivole Tecnomarmi. Nulla è lasciato al caso: il présentoir che funge da contenitore marmoreo e l’involucro con il volto della Danzatrice con cembali, apparentemente sospesa a definire elegantemente il suo contenuto, potrà essere posizionato in verticale e rimanere come portalibro per avere una vita successiva al consumo della torta. Un dolce eccellente ed unico, quindi, creato per esaltarne un artista come Antonio Canova, che possa restare dolcemente vivo nella memoria.

unnamed-1-121-19

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volpago, un dolce in stile neoclassico dedicato ad Antonio Canova

TrevisoToday è in caricamento