rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Cucina Castelfranco Veneto

Festa del radicchio: i ragazzi del Maffioli di Castelfranco vincono la sfida tra alberghieri

A Rio San Martino la sfida tra Istituti Alberghieri del Veneto: il 10° Premio San Martino è andato all’istituto Maffioli di Castelfranco. In giuria il Maestro di pasticceria Leonardo di Carlo

CASTELFRANCO VENETO La 36a Festa del Radicchio si è conclusa oggi con il sorriso dei 20 giovani chef che hanno partecipato alla decima edizione del Premio San Martino vinto dall’istituto Maffioli di Castelfranco. Una Festa che da anni valorizza i prodotti della nostra terra e fa scuola. La sfida tra alberghieri del Veneto è stata incentrata sul tema “Alla ricerca delle eccellenze del nostro territorio” e ha avuto come madrina il volto di RAI Uno Veronica Maya.

Rimane in terra trevigiana il titolo ambito dagli istituti alberghieri del triveneto, un concorso ha lo scopo di promuovere l’utilizzo del radicchio veneto I.G.P. nella ristorazione professionale. Ogni Istituto ha partecipato con una squadra composta da due allievi della sezione cucina/pasticceria e due di sala/bar, accompagnati da i rispettivi insegnanti. “Da dieci anni – spiega Luigini Michieletto, presidente degli Amici del Radicchio – siamo impegnati a far conoscere ai futuri chef i grandi prodotti del nostro territorio e a far crescere in loro la passione per la valorizzazione delle materie prime del territorio”.

A sbaragliare i concorrenti proprio i ragazzi Castellani, che con 90 punti si sono aggiudicati il miglior punteggio totale delle due discipline (sala-bar e cucina-pasticceria) portando a casa il premio di €1000 e la possibilità di realizzare il Gran Galà di San Martino, una cena da oltre 160 coperti per 15 portate che li vedrà impegnati nell’edizione 2018 della Festa (quest’anno se la sono cavata alla grande i ragazzi dell’Albertini di Treviso, vincitori della passata edizione del Premio). In giuria per la valutazione dei piatti un maestro della pasticceria italiana, Leonardo Di Carlo, accanto a lui, Omar Lapecia docente e giornalista e Massimo Albanese mastro pasticcere. A giudicare i giovani ragazzi anche gli occhi attenti dei Barman: Roberto Pellegrini, papà della campionessa, Federica;e i barman  Marino Lucchetti e Mauro Suman.

Novità di quest’anno il Premio Ambra Rossa S.Gabriel per il Cocktail con la birra al Radicchio che ha premiato sempre l’istituto di Castelfranco, secondi i trevigiani dell’Alberino e terzi i padovani dell’Istituto Pietro D’Abano. A decretare il miglior miscelato Beppo Tonon maestro incisore, Gabriele Tonon mastro birraio. Venti giorni di festa, oltre 200 volontari mobilitati, oltre 70mila presenze, e soprattutto tante iniziative solidali, sono questi alcuni degli ingredienti che hanno condito i 4mila metri quadri del Palaradicchio. Un grande mercato delle eccellenze ortofrutticole del territorio e un’organizzazione attenta alla valorizzazione dei prodotti ad indicazione geografica protetta.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa del radicchio: i ragazzi del Maffioli di Castelfranco vincono la sfida tra alberghieri

TrevisoToday è in caricamento