menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo corso per la storica Locanda Solagna: in tantissimi presenti al taglio del nastro

“Non vedeteci solo la questione di famiglia, qui si investe nel territorio. È linfa vitale che resta in paese, è occasione di promozione delle specificità"

Grandissima partecipazione sabato 30 giugno per il taglio del nastro che ha sancito pubblicamente il passaggio di consegna della gestione della Locanda Solagna di Quero-Vas (BL), dalle mani degli zii a quelle di Andrea Riboni. Nuovo corso quindi per Locanda Solagna che si è presentata al pubblico rinnovata negli ambienti e nella cucina. Tutto esaurito anche per la speciale serata di degustazione in anteprima del menù estivo che sarà ufficialmente alla carta a partire dalla metà di luglio.

Un momento sicuramente significativo per la famiglia Solagna, ma un momento significativo per l’intera comunità di Quero-Vas. Concetto espresso con chiarezza anche dal sindaco Bruno Zanolla, presente al taglio del nastro: “Questo di oggi è senza dubbio un momento di festa, ma è un momento in cui si celebra anche il coraggio e la determinazione di chi continua a scegliere di investire nel territorio. Il turismo e l’accoglienza si fanno quotidianamente, con le scelte di tutti i giorni, con la presenza e la disponibilità, con il dare informazioni con il sorriso e mettendo a disposizione qualità. Il turismo è un modo di essere, prima di ogni altra cosa. Da sempre Locanda Solagna incarna questo spirito, alimentando il senso di comunità, facendo sentire a casa le persone che qui si fermano e non ho dubbi che anche il giovane Andrea Riboni continuerà a mantenere il timone ben saldo in questa direzione. Non vedeteci solo la questione di famiglia, qui si investe nel territorio". 

Parole di incoraggiamento sono arrivate anche dalla Vicepresidente della Provincia Serenella Bogana: “C’è senza dubbio una nuova attenzione ai temi dell’accoglienza, una nuova consapevolezza che va prendendo piede. Da parte nostra possiamo promettere che non verrà mai meno l’attenzione alle necessità e tutto l’impegno possibile per dare sostegno a iniziative degne di nota e capaci di portare valore sul territorio. E Locanda Solagna entra a pieno titolo i questo, perché da decenni è espressione di professionalità, qualità e ospitalità, riconosciuta in provincia ma anche fuori. Un ottimo biglietto da visita per la Valbelluna”.

Parole commosse e piene di passione anche quelle espresse da Gerardo Pillon e Carla Solaga, che passando ufficialmente il testimone al nipote hanno detto “Siamo orgogliosi del lavoro fatto da Andrea e siamo certi che darà ottima continuità alla tradizione della Locanda. Da qui parte nuova linfa vitale, per tutta la comunità oltre che per la gioia di turisti e amanti del buon cibo. È linfa vitale che resta in paese, è occasione di promozione delle specificità.”

Ultimo a parlare, appena prima del taglio del nastro proprio Andrea Riboni che ha ringraziato la famiglia in primo luogo e tutti coloro che negli ultimi mesi lo hanno sostenuto nel suo progetto: “Un taglio che dedico a chi mi ha sostenuto di persona, ma anche a chi è stato presente in spirito. È un gran traguardo, il primo di molti. Sono orgoglioso di aver lavorato con artigiani, professionisti e fornitori locali, di aver creato lavoro sul territorio e farò di tutto per continuare a farlo. La Locanda riparte con il sostegno di chi c’è stato prima di noi, ma anche con tutta la vivacità, l’entusiasmo e la voglia di nuovo che il mio giovane team ha da esprimere. Abbiamo la possibilità di fare eccellenza e ce la metteremo tutta per tradurre le aspirazioni in realtà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Attualità

Conegliano dà l'addio a "Mamma Africa": morta per Covid a 50 anni

Attualità

Covid, è morto Mario Guizzon: cognato di Tina Anselmi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento