menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
con la fascia tricolore l’Assessore alla Cultura del Comune di Mogliano Veneto, Ferdinando Minello, e alla sua sinistra Giancarlo Coghetto, direttore tecnico de Le Fattorie dei Sapori Veneti

con la fascia tricolore l’Assessore alla Cultura del Comune di Mogliano Veneto, Ferdinando Minello, e alla sua sinistra Giancarlo Coghetto, direttore tecnico de Le Fattorie dei Sapori Veneti

Premiati i salumi al naturale di sei fattorie venete

Le aziende si sono guadagnate l’ambito riconoscimento di "rodotto della Tradizione Rurale Veneta"

RONCADE Sono sei le aziende della regione premiate da Le Fattorie dei Sapori Veneti e che hanno ottenuto per i propri “salumi di fattoria al naturale” l’ambito riconoscimento di “Prodotto della Tradizione Rurale Veneta”. Si tratta di salumi provenienti da carne di suini pesanti allevati in azienda, lavorati e stagionati secondo tradizione e senza aggiunta di conservanti, che sono stati presentati al primo test di valutazione della qualità di salumi di fattoria “al sale e pepe” del Veneto, tenutosi a Roncade (TV), presso il Ristorante Perché.

Il test ha visto la partecipazione di 18 produttori, in rappresentanza di tutte le province venete, i cui prodotti sono stati sottoposti alla prova di assaggio di un gruppo di esperti di straordinaria competenza: Franco De Pieri, titolare di un celebre negozio di specialità alimentari, Luigi Bottacin, macellaio e produttore di salumi artigianali, Ivan Bozzato del salumificio Roncadese, Simone Maculan, esperto di vini e appassionato di salumi, Gino Bortoletto, presidente di Slow Food Promozione e il giornalista Michele Miriade. L’ambito riconoscimento è stato assegnato ai salumi delle fattorie:

-          BISIOLA Az. Agr. di Marangoni Giuseppe di Ciniselli  (RO)

-          DE MENEGHI Pierluigi Az. Agr. di Spresiano (TV)

-          MAGNASAME Soc. Agr. di Piove di Sacco (PD)

-          PASTRELLO Soc. Agr. di Camposampiero (PD)

-          VAKA MORA Soc. Agr. di Istrana (TV)

-          VIO DARIO E PIETRO Soc. Agr di Meolo (VE)

“I salumi di fattoria all’assaggio sono nettamente distinguibili dalle produzioni dei grandi salumifici -  sostiene Franco De Pieri, nelle vesti di presidente della giuria - Le caratteristiche organolettiche riconducono alle sensazioni della produzione tradizionale “contadina”, anche se le mutate condizioni di allevamento e dei locali di stagionatura richiedono più impegno e formazione degli addetti, per consolidare i pregi e ridurre al minimo difetti possibili quando si lavora al naturale”. Il progetto Le Fattorie dei Sapori Veneti raggruppa 26 imprese agroalimentari venete e 2 operatori della ristorazione, e ha l’obiettivo di valorizzare i prodotti al naturale, sinceri e genuini; associarli al produttore, entità umana oltre che produttiva ed economica; proporre prodotti di pregio complementari o alternativi alle produzioni standardizzate industriali.

Ora è in corso la selezione del produttore che parteciperà alla sfida delle sopresse venete in programma a metà di giugno nel giardino della trattoria “Il sogno” a Mirano (VE). Proprio la sopressa è stato l’ingrediente re del Panino d’autore, che ha riscosso grande apprezzamento da parte del pubblico a “Bollicine a Mogliano Veneto 2018”: preparato con la sopressa di fattoria e un pane speciale in tre colori (verde, bianco e rosato) del panificio Bosco. Proposto anche nella degustazione “verticale” degli spumanti della prestigiosa etichetta Ferrari. Intanto, si comincia già a pensare agli appuntamenti con i formaggi in programma a settembre. “Occasioni per festeggiare il primo compleanno di Agros e Kaliera, i nuovi formaggi al naturale frutto del nostro progetto - riferisce orgogliosamente Giancarlo Coghetto animatore tecnico del gruppo. “E non mancheranno altre interessanti novità per i consumatori veneti che si stanno affezionando alle Fattorie e ai loro prodotti al naturale”.   La sfida di Fattorie dei Sapori Veneti per la produzione dei “formaggi di fattoria al naturale” è iniziata lo scorso anno riprendendo l’idea del pastore-casaro e ritornando alle origini della tecnica casearia (latte crudo con i suoi fermenti naturali selvaggi, ottenuto esclusivamente in allevamento di proprietà e trasformato grazie al caglio e sale nella stessa azienda).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento