Dalla Rete Santa Maria del Rovere

Presentato il programma dell’Edera Film Festival 2021

Il ritrovato incontro del linguaggio cinematografico con il pubblico in sala,fra visioni e racconti della contemporaneità e suggestioni sugli scenari del futuro

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Si è tenuta martedì 13 luglio 2021 alle ore 12:00 presso la Sala degli Arazzi di Ca’ Sugana e in diretta Facebook e Instagram la conferenza stampa di presentazione della terza edizione dell’Edera Film Festival - Festival Internazionale di Cinema Under 35 in programma a Treviso dal 28 al 31 luglio 2021. Alla presenza dell’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Treviso Lavinia Colonna Preti, che con soddisfazione ha annunciato il significativo ritorno in sala del festival, i Direttori Artistici Gloria Aura Bortolini, Giuseppe Borrone e Sandro Fantoni hanno presentato i 30 film selezionati in concorso, sottolineando la particolare mission di cui quest’anno la manifestazione si fa interprete: dare un importante segnale di resilienza e di ripartenza per il settore, ma soprattutto riportare il pubblico al centro della fruizione cinematografica, rendendolo protagonista di un’esperienza di cinema che – specialmente dopo l’avvento della pandemia – deve essere vissuta attivamente, in una modalità irripetibile e non replicabile nella dimensione domestica alla quale le restrizioni e i distanziamenti sociali hanno a lungo vincolato. Proprio questo obiettivo ha spinto la Direzione del festival a sospendere quella che avrebbe dovuto essere la terza edizione, nel 2020, rinviandola al 2021, con il preciso intento di “salvaguardare il valore del festival come evento ed occasione di aggregazione” – come ha precisato nel suo intervento Giuseppe Borrone – “e come forma di rispetto per un territorio particolarmente segnato dalla pandemia”. Una scelta premiata quest’anno dalla partecipazione da parte dei registi selezionati (circa 20 su 30 selezionati), i quali, dopo aver potuto finora presentare le proprie opere soltanto online, potranno finalmente presentarle in sala a Treviso, ritrovando con entusiasmo il contatto e lo scambio con il pubblico. 6 sono i lungometraggi in concorso, 8 i documentari e 16 i cortometraggi, affiancati dalla proiezione di 3 opere fuori concorso. Fra gli autori in competizione, quattro giovani talenti veneti (Alessandro Padovani con “Movida”, Alessandra Gonnella con “A Cup Of Coffee With Marylin”, Alessia Bottone con “La Napoli di mio padre” e Giovanni Gaetani Liseo con "La patente", già co-regista di Gabriele Salvatores nel documentario “Italy In A Day”), alcune opere girate nel nostro territorio (“Tre Visi” di Stefano Pesce, compendio di maestranze locali ed omaggio alla città di Treviso, ma anche “Hunters – Global Pandemic” di Giulio Danieli, realizzato nei giorni più duri del primo lock-down, ricorrendo agli stratagemmi necessari per girare evitando contatti e osservando le restrizioni imposte) e diverse produzioni internazionali provenienti da Francia, Macedonia del Nord, Regno Unito, Russia, Germania e Turchia. Per ciascuna delle sezioni in concorso verrà assegnato un premio alla miglior opera, quest’anno offerto dallo sponsor NaturaSì, che consegnerà agli autori premiati 3 ceste di prodotti biologici selezionati tra quelli delle migliori aziende agricole dell'ecosistema NaturaSì, 3 capi di abbigliamento OSO - vestire etico ed inclusivo, il nuovo marchio di moda green rivolta ai giovani e realizzata con tessuti ecosostenibili da sartorie sociali che garantiscono un lavoro dignitoso a donne con un vissuto di fragilità o vittime di violenza (www.osovestire.com) e 3 voucher per i viaggi di ViandantiSì, agenzia di viaggi sostenibili per un turismo consapevole alla scoperta delle realtà agricole biologiche in Italia e all'estero (www.viandantisi.it). Durante il festival verranno inoltre distribuite 60 borracce in acciaio NaturaSì per promuovere un consumo di acqua sempre più libera dalla plastica. Un’edizione resiliente, quindi, studiata nel dettaglio per svolgersi in totale sicurezza, grazie alla scrupolosa attenzione rivolta da parte del Cinema Edera alla sanificazione degli spazi, e alla rigorosa organizzazione coordinata dall’Associazione Culturale Orizzonti, associazione non-profit presieduta da Gloria Aura Bortolini, che ha fortemente voluto questa manifestazione a Treviso, sua città natale, e rappresentata in conferenza stampa dal Segretario Tesoriere Aldo Bortolini. Un’edizione che volge lo sguardo al futuro, riaccendendo il dibattito sull’alfabetizzazione audiovisiva, anche attraverso il coinvolgimento degli aficionados del Cinema Edera nella Giuria Popolare, come chiaro segnale di “valorizzazione del rapporto con il pubblico e della volontà di percorrere nuove strade che consentano di costruire il pubblico di domani, più attento e curioso e capace di alimentare la vita della sala” – come auspica Giuliana Fantoni, rappresentante del Cinema Edera, nonché Presidente della Fice Tre Venezie. Lo sguardo sarà teso al futuro anche nel corso del panel “Nuovi scenari del cinema” previsto alle ore 10:00 di sabato 31 luglio 2021 (Sala 1, Cinema Edera), progettato con il coinvolgimento di tutti i giurati del festival per stimolare una riflessione condivisa sul futuro del cinema, con l’auspicio – rinnovato da Sandro Fantoni – che il futuro del festival possa prosperare includendo una sezione mercato nella quale le opere in concorso possano incontrare concrete opportunità di circuitazione al di fuori del contesto festivaliero. Seguirà, negli stessi spazi, un focus sullo storytelling di uno dei prodotti più celebri del nostro territorio – il tiramisù – a cura dell’Accademia del Tiramisù (ingresso libero, fino ad esaurimento posti). Un’edizione di ripartenza, resa possibile grazie al fondamentale supporto degli sponsor che, in questo periodo storico complesso, hanno fortemente creduto nelle potenzialità del festival, rafforzando così – come ha sottolineato Gloria Aura Bortolini - “il legame con il territorio come scoperta di talenti veneti, oltre che internazionali, e la sinergia con il tessuto imprenditoriale a supporto della cultura e dei giovani” (Hausbrandt Trieste 1892 SPA, Caseificio Tomasoni, Faram 1957 SPA, EcorNaturaSì SPA e Cav. Cestaro Gustavo SRL), degli sponsor tecnici (Printmateria, Marcaprint, Nardini, Arper, Arman’s SAS) e dei partner (Coin, La Tribuna). Il festival ha ricevuto, inoltre, il patrocinio della Regione del Veneto, del Comune di Treviso, dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e delle organizzazioni che sostengono i tre Premi Speciali di questa edizione (AIDDA – Associazione Imprenditrici Donne Dirigenti d’Azienda, Fondazione Benetton Studi Ricerche e Rotary Club Treviso Terraglio). In occasione della conferenza stampa è stato presentato il trailer ufficiale dell’Edera Film Festival 2021, realizzato da Azzurra Stilo, come omaggio alla città di Treviso e al suo patrimonio culturale e creativo, e pubblicato nella home page del sito www.ederafilmfestival.it. Il programma del festival sarà a breve disponibile online nel sito ufficiale (www.ederafilmfestival.it), dove è già possibile consultare l’elenco dei film selezionati. Per maggiori informazioni sull’evento è possibile contattare il festival all’indirizzo info@ederafilmfestival.it e seguire tutti gli aggiornamenti attraverso i canali social del festival (Facebook, Instagram, Twitter).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentato il programma dell’Edera Film Festival 2021

TrevisoToday è in caricamento