Forchetta e boccale di Davide Albanese, il vademecum birrario

Come abbinare una birra a un piatto tradizionale? Trenta irresistibili soluzioni per fare bella figura e godere dei piaceri della buona tavola.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Un saggio semiserio sulla birra, la nuova proposta di Panda Edizioni. "Forchetta e boccale. I migliori abbinamenti tra birre artigianali e piatti della cucina tipica del Belpaese" è un libro divulgativo pensato per chi vuole accostarsi al mondo brassicolo con leggerezza, ma con la sicurezza e l’esperienza di un esperto , Davide Albanese. L’autore, dopo la laurea in Scienze e tecnologie alimentari, ha dato il via a una propria produzione artigianale, consolidando i suoi studi come birrario artigiano e biersommelier. Con "Forchetta e boccale" ha voluto trasformare la sua passione in una guida pratica o, come ama definirla lui stesso, in un vademecum da bancone. Il saggio infatti consta di due parti. Nella prima, di ampio respiro, vengono trattate storia, modalità di produzione, terminologia, tipologia, degustazione e tecniche di abbinamento della bevanda. Qui si trovano tutte quelle informazioni indispensabili per riuscire a sostenere una conversazione a tema “birra” e fare una bella figura. Nella seconda parte l’autore prende per mano il lettore, addentrandosi in un tour di sapori lungo tutto lo Stivale. In quest’immersione nella tradizione culinaria del Belpaese, si sofferma su trenta piatti nazionali e regionali abbinandoli a trenta birre artigianali italiane per esaltarne le qualità edonistiche e goderecce. A riprova dell’ottima riuscita degli accostamenti, Davide afferma di averli testati tutti su persone inconsapevoli dei suoi esperimenti e perciò giudici imparziali. "Forchetta e boccale" si propone dunque come una guida strutturata ma semplice per rendere praticabile e godibile per tutti, anche per i meno esperti, l’abbinamento tra la birra e un piatto comune. Una disciplina affascinante, senza forzature dogmatiche. Nessun obbligo di accostare “l’orata con la Pils e la costata con il Brunello” spiega l’autore. Il suo intento è sostanzialmente un invito a sperimentare con la birra, ad abbinarla in modo informale ma consapevole e a rendere quest’esercizio qualcosa di quotidiano, non limitato alle occasioni speciali. Anche perché, secondo Davide, “la birra artigianale italiana può ‘salire’ stabilmente sulle nostre tavole e arricchire il pasto in modo soddisfacente, migliorandoci sensibilmente la giornata e la vita”. L’autore Nato a Valdobbiadene nel 1991 e laureato in Scienze e Tecnologie Alimentari, Davide Albanese segue la propria passione fondando una propria etichetta di birra, la 1703, in cui traspone ricette e storia dell’azienda famigliare. Homebrewer, degustatore, autore di articoli e docente in ambito birrario, dopo il diploma di “Birraio Artigiano” (Dieffe) e “Biersommelier” (Doemens), continua la sua ricerca di nuove birre artigianali da bere sole o ben accompagnate e intanto progetta di aprire un proprio punto vendita a Levada (TV) per far “rivivere” il paese anche grazie alla bevanda di Cerere.

I più letti
Torna su
TrevisoToday è in caricamento