Zaia "allo scoperto" sul Covid, Damiano: «Ora commissione in Regione per dire la Verità»

Il presidente dei Pescatori di Pace non si è fatto sfuggire le dichiarazioni del presidente della Regione in merito ai malati che in quanto positivi (pur se negativizzati) devono rientrare nella casistica Covid pur essendo “assurdo”. L’invito: «Ha detto la verità, ora nel nome di Dio racconti cosa c’è dietro»

Non sono sfuggite a Lorenzo Damiano, leader del movimento cattolico dei Pescatori di Pace, le parole del presidente della Regione Veneto che in una recente conferenza stampa ha parlato espressamente di un conteggio Covid che comprende i deceduti per altre cause e i negativizzato, che pur presentando i sintomi sono sempre “schedati”. «E’ un assurdo – ha confessato Zaia – ma è così».

Commissione per la verità

Damiano, dunque, offre un assist al presidente della Regione: «Ora che finalmente è uscito allo scoperto parlando con verità il governatore dovrebbe arrivare fino in fondo: il popolo italiano e veneto merita la verità su tutto quello che non ci è stato raccontato finora e che ha sprofondato l’Italia in una profonda crisi economica, sanitaria, sociale. Se è assurda la trattazione del Covid perché perseguire questi schemi di lavoro? Perché insistere su mascherine, distanziamenti, invocando addirittura misure da lager come quella del TSO, pur sapendo che i casi conteggiati non corrispondono alla reale cronaca dei fatti? Dopo queste confessioni confido che Zaia, con l’aiuto di Dio, continui sulla strada della verità e magari istituisca una commissione in Regione per arrivare alla realtà, in Italia e nel mondo, di questo attacco alle libertà e alla vita. Auspico che si circondi di uno staff trasparente che combatta gli invasori della scienza come Crisanti, uno da sempre in linea con quanto stabilito dai capi di questa dittatura sanitaria, OMS in primis, anche quando si parla di scuole e bambini».

«Basta terrore, ridate pace»

Damiano, direttore della rivista L’Italia Mensile e in questi anni al lavoro per la Pace con il movimento europeo APF, Alleanza per la Pace e la libertà, continua poi rivolgendosi direttamente al governatore: «In questi giorni il Signore sta aprendo gli occhi e il cuore a milioni di persone. E il governatore, per il quale prego costantemente, sono sicuro è tra questi: il Veneto lo ha sempre stimato e oggi merita di non essere tradito. Luca Zaia: il buon Dio ha bisogno di uomini coraggiosi che oggi più che mai stiano dalla parte alla Verità.  Per questo a te e alla tua squadra chiedo: ridate pace, gioia e speranza al popolo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sarai protetto dal Signore»

Damiano insiste: «Chiedo quindi agli uomini della politica: basta terrorismo, basta obbedire a schemi contrari alla vita e alla pace. Se seguirete la giusta via, tutti vi saranno riconoscenti e si tornerebbe alla pace. E troverete persone come me che vi daranno una mano contro il sistema. Continuare con narrazioni false, porterebbe a disordini sociali che già sono in atto. Le libertà sono sacre e protette dalla Costituzione, gli individui sono sacri perchè provengono da Dio. Sono sicuro, caro governatore, che grazie al tuo team, da Forcolin in primis, se seguirete la Verità, torneremo alla Pace. Pensate – chiude Damiano - quanto sarebbe bello un assessorato alla Pace e alla Giustizia in Regione: Luca Zaia se segui il Bene la gente te ne sarà per sempre grata non solo in Veneto ma anche in Italia e in tutto il mondo perché saresti il primo che ammette pubblicamente ciò che è avvenuto e sarai protetto dal Signore. Se farai questo, saremo con te».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento