rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Dalla Rete

Monastier: un altro anno di pedibus

Il progetto 2021/22 si è concluso l'ultimo giorno di scuola, alla presenza della sindaca e del vicesindaco, prima del suono della campanella.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

L'ultimo giorno di scuola, le tre linee pedibus attive alla scuola primaria Marconi di Monastier, hanno organizzato una cerimonia di chiusura dell'anno scolastico. 52 i bambini che quest'anno hanno raggiunto a piedi ogni mattina la loro scuola (1 bambino su 4 degli iscritti alla primaria di Monastier), accompagnati da una trentina di adulti volontari. Salutandoli, Rafaella Daniel - referente del progetto Pedibus per Monastier - ha ringraziato tutti gli aderenti, per l'impegno quotidiano a favore dell'ambiente e del benessere della persona, grazie alla scelta di uno dei mezzi di trasporto per antonomasia più ecologici e puliti, quale appunto il pedibus. "Abbiamo calcolato - ha detto - che in questo anno avete risparmiato una produzione media di 20 chili di anidride carbonica a bambino, che equivale a circa 1.000 chili di CO2 se consideriamo la totalità degli aderenti al progetto qui a Monastier. Grazie, perché così facendo avete fatto un regalo a voi stessi, ma anche alle generazioni future, limitando il livello di inquinamento atmosferico; inoltre, facendo un tratto di strada a piedi ogni giorno, con il bello e il cattivo tempo, con il freddo e con il caldo, avete acquisito una buona abitudine in termine di salute". A fianco alla responsabile di progetto, hanno portato il loro saluto agli aderenti al pedibus di Monastier la sindaca Paola Moro, il vicesindaco Stefano Dussin, insieme alla maestra referente di progetto, Federica Rossi. Ringraziando i vari attori, tutti hanno enfatizzato i vantaggi del pedibus, "che vanno dalla riduzione del traffico, al rispetto ambientale, alla sicurezza, al benessere e alla salute del singolo, che aumentano camminando ogni giorno, combattendo la pigrizia e la sedentarietà. Fate passaparola con i vostri amici, speriamo che il prossimo anno altri bambini si iscrivano al pedibus". Al termine della cerimonia, ad ogni bimbo è stato conferito il titolo di "difensore del Pianeta, per aver contribuito a cambiare il mondo, un passo dopo l'altro". I piccoli hanno ricevuto inoltre in dono uno scaldacollo, con il motto "Io ci tengo! Vado a scuola a piedi", gentilmente finanziato da BCC Pordenonese e Monsile, che volentieri ha sostenuto il valore sociale ed ambientale dell'iniziativa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monastier: un altro anno di pedibus

TrevisoToday è in caricamento