Susegana, Electrolux annuncia 373 esuberi entro il 2015

Sono 1.129 gli esuberi annunciati entro il 2015 dall'Electrolux in tutta Italia. La maggior parte è concentrata nello stabilimento di Susegana, dove gli operai "in più" sono 373. L'azienda non sembra però voler licenziare

Le voci circolate nelle scorse settimane sui nuovi esuberi alla Electrolux si sono rivelate fondate.

Mercoledì il colosso svedese, in una riunione con i sindacati a Mestre, ha annunciato un surplus di dipendenti di 1.129 unità, dei quali 532 nuovi e 597 previsti nel piano di ristrutturazione del 2012.

Sono stati quindi confermati i dati mondiali anticipati la scorsa settimana: l’ultimo trimestre del 2012 per Electrolux è stato da record. La crescita è stata del 7,5 per cento, soprattutto grazie all’apporto di Nord e Sud America, che rappresentato la metà del fatturato. Hanno registrato una crescita anche i mercati asiatici e quelli emergenti, ma non l’Europa.

Gli esuberi riguarderebbero quattro stabilimenti italiani, tra i quali quello di Susegana, dove sarebbero 373 gli operai “in più” (250 attuali e 123 nel prossino triennio), contro i 295 di Porcia (PN), i 200 di Forlì e i 261 di Solaro.

Electrolux, ammettono i sindacati, ha confermato tutti gli investimenti previsti, ma gli esuberi non smaltiti negli ultimi anni e la necessità aumentare la produttività diminuendo i costi fissi hanno aggravato la situazione.

L’azienda tuttavia non sarebbe intenzionata a ricorrere a licenziamenti, confermando l’atteggiamento assunto finora nei confronti dei propri dipendenti, ma nel 2015 potrebbe essere costretta a farlo.

La trattativa tra la società svedese e i sindacati inizierà il 20 febbraio prossimo. Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil mirano a ridurre gli esuberi attraverso contratti di solidarietà da 6 ore al giorno per tutti gli operai, dal momento che si è consumata la disponibilità della cassa integrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione però non è ancora stata definita e va affrontata con urgenza. Il ricorso ai contratti di solidarietà permetterebbe ai lavoratori Electrolux di salvare il posto, ma ridurrebbe drasticamente i loro stipendi, con conseguenze drammatiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento