Nuovo aggravio burocratico per le imprese, Cna contro il Milleproroghe

La norma interessa potenzialmente tutte le sedi operative aziendali con lavoratori della provincia di Treviso. Una nuova incombenza burocratica per le imprese, Cna protesta

In foto la sede della Cna di Treviso

Il Decreto Milleproroghe è spesso fonte di sorprese per le piccole imprese. Anche negative. La burocrazia infatti è sempre dietro l’angolo e si annida nei dettagli.

L’articolo 36 del Milleproroghe 2020, già spurio rispetto all'oggetto del decreto legge poiché non contiene alcun allungamento di termini (nessuna proroga), prevede la costituzione presso l’Inail di una banca dati delle verifiche periodiche sugli impianti elettrici e sui dispositivi di messa a terra alle quali sono tenute le imprese al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori. Ma presenta alcune palesi assurdità. «Prima di tutto, viene attribuito all'impresa un obbligo di comunicazione incomprensibile – spiega Mattia Panazzolo, vicedirettore di Cna territoriale di Treviso - L’impresa, infatti, è chiamata a comunicare all’Inail il nominativo dell’organismo incaricato delle verifiche mentre sarebbe logico che fosse l’organismo stesso a comunicare all’Inail l’esito del controllo. L’impresa, inoltre, è costretta a sobbarcarsi di nuovi oneri in quanto viene introdotto un tariffario delle verifiche chiaramente obsoleto. Il tariffario risale al 2005 ed è stato definito da un ente, l’Ispesl, ormai defunto da tempo e assorbito dall’Inail». Il nuovo adempimento interessa nella nostra provincia tutte le sedi operative aziendali che occupano lavoratori.

«La nostra associazione è da sempre in prima fila nel favorire un costante miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro, ma in tale percorso vanno attentamente evitati ulteriori appesantimenti procedurali – continua Panazzolo - Le micro e piccole imprese, che nel nostro Paese sono il 99% del totale, sostengono oltre 30 miliardi annui di costi burocratici. Le numerose semplificazioni a costo zero che chiediamo vengano implementate anche in questo ambito permetterebbero alle imprese di liberare preziose risorse da destinare agli investimenti». Cna chiede pertanto che l’articolo 36 del Milleproroghe 2020 venga soppresso e siano rimandate al successivo confronto con le parti sociali le modalità di costituzione della banca dati, le cui finalità sono condivise appieno dall'associazione degli Artigiani di Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tumore incurabile, il sorriso di Roberta si spegne a soli 54 anni

  • Tragico schianto fuori strada, muore automobilista

  • Abusi sessuali in seminario: «Io, violentato da due preti che ancora esercitano in Veneto»

  • Terrore al bar, ubriaco litiga con la barista e le punta contro una pistola

Torna su
TrevisoToday è in caricamento