Economia

Agriturismi trevigiani: «Nel 2020 perso il 60% del fatturato e il 70% dei clienti»

Elisa Mion, presidente di Agriturist Treviso, traccia un bilancio sulla scorsa stagione turistica e illustra i punti da cui ripartire: «Green pass e una solida campagna vaccinale»

Buffet in agriturismo

«Siamo fiduciosi, e speriamo che questa volta ci diano la possibilità e i mezzi per ripartire in maniera definitiva: il Green Pass, se accompagnato da una campagna di vaccinazioni dall’andamento solido, è una misura positiva, che penso ci permetterà finalmente di tornare a lavorare con i ritmi del periodo pre-pandemia» commenta Elisa Mion, presidente di Agriturist Treviso. 

«Qui nella Marca, dove abbiamo il numero di strutture più elevato in Veneto (più di 300 su un totale di 1500) i danni al settore sono stati ingenti: nel 2020 le perdite di fatturato sono state di oltre il 60%, mentre gli ospiti negli agriturismi sono diminuiti del 70%, passando dai 318 mila del 2019 a circa 98 mila, concentrati per lo più nel periodo estivo. Per non parlare di tutti i dipendenti e collaboratori a cui abbiamo dovuto rinunciare, considerato il lungo periodo di chiusura. Ora che la campagna vaccinale sembra aver finalmente trovato pieno ritmo, è necessario che le nostre aziende non vengano lasciate senza supporto, e che venga pensato quanto prima un piano di promozione del nostro territorio coordinato dalle Istituzioni: le nostre strutture sono pronte ad accogliere di nuovo, nel massimo rispetto di tutte le disposizioni anti contagio, turisti da tutta Italia e da tutto il mondo, amanti delle bellezza del nostro territorio».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agriturismi trevigiani: «Nel 2020 perso il 60% del fatturato e il 70% dei clienti»

TrevisoToday è in caricamento