Giovedì, 13 Maggio 2021
Economia

Asco, Vendrame: “La guida risponda agli interessi della collettività”

Il segretario generale della Cgil: “L’integrazione pubblico-privato ha reso il Gruppo un grande player del nostro territorio e, dentro una logica di sviluppo, ha sostenuto le casse comunali in un momento di tagli”

PIEVE DI SOLIGO “La guida politica, e non partitica, del colosso dell’energia potrà ancora assicurare una crescita economica del gruppo legata agli interessi collettivi del nostro territorio”. Insieme a un’innegabile preoccupazione per il caos che si sta determinando in questi giorni relativamente al futuro di Ascoholding a seguito della legge Madia, questa è la posizione espressa dal leader della CGIL di Treviso Giacomo Vendrame, attento alla vicenda.

“Contrariamente alla lottizzazione partitica, il controllo politico ha determinato il progresso di Asco, quale grande player economico, legandolo agli interessi del nostro territorio - ha spiegato il segretario generale della CGIL di Treviso - e ha reso il gruppo l’ultima grande cassaforte pubblica della Marca, proprio in una congiuntura storica fatta di provanti tagli strutturali ai trasferimenti verso gli enti locali. L’interesse collettivo è andato di pari passo con l’interesse privato, e questa è divenuta una buona pratica di sviluppo che non può venire meno. Semmai - pungola Giacomo Vendrame -, è da rilanciare nella sua progettualità industriale, sempre nel rispetto della trasparenza alla quale un soggetto protagonista del territorio come Asco deve rispondere”.

“Asco, allora, non può essere centro di potere politico, o peggio partitico, bensì centro di interesse collettivo da salvaguardare e fulcro di una visione strategica industriale che nasca da un rinnovato patto tra i sindaci; dunque, come storicamente è stato finora in mano pubblica. Un patto che guardi agli investimenti in opere e servizi, da sempre l’obiettivo di Asco”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asco, Vendrame: “La guida risponda agli interessi della collettività”

TrevisoToday è in caricamento