menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente Carlo Antiga

Il presidente Carlo Antiga

Assemblea dei soci Banca Prealpi, bilancio e rinnovo del cda

Domenica 18 maggio l'Assemblea. In approvazione l'apertura della terza sede distaccata a Jesolo (94 i comuni di competenza della Bcc)

CONEGLIANO - Un'assemblea in cui non solo sarà in approvazione il bilancio consuntivo 2013, ma in cui si svolgerà anche il rinnovo delle cariche sociali per l'elezione del nuovo Consiglio di Amministrazione, giunto a fine mandato. In primissimo piano inoltre l'apertura della terza sede distaccata di Jesolo (VE), dopo l'acquisizione delle filiali veneziane (Jesolo e Cavallino Treporti) della Bcc di Monsile nel luglio dello scorso anno. L'appuntamento è per domenica 18 maggio dalle ore 8.30 alla Zoppas Arena in viale dello Sport 2 a Conegliano (TV). Un 2013 importante, quello sul quale ci sia appresta a fare il punto, per la Banca di Credito Cooperativo delle Prealpi. Quello dell'inaugurazione della nuova sede direzionale in via La Corona 45, dell'apertura della sede distaccata di Feltre, dell'acquisizione di quattro nuove filiali dalla Bcc di Monastier e del Sile.

Lo scorso anno si è chiuso per l'istituto di credito cooperativo con un utile di 7.841.666 euro (lordo di 10.896.495) e con un patrimonio di vigilanza che supera i 213 milioni di euro. Anche per il 2013 la somma destinata a sostenere le iniziative sociali e culturali attuate nella comunità dagli enti e dalle associazioni di volontariato è stata pari a 1.245.475,31 euro. Significativi gli interventi nell'ambito dello sport giovanile e della cultura sui quali si è concentrato rispettivamente  il 16,5 % e il 14, 3 % delle risorse. La beneficenza erogata è stata di 221.700 per le associazioni sportive, di 194.630 euro per le associazioni culturali, 134.000 per le associazioni di volontariato.

Al 31 dicembre i soci risultano 6.652, in crescita di 352 unità rispetto al 2012: 5.860 sono persone fisiche (+6,6 % sul 2012) e 792 persone giuridiche (-1,3 %). A fronte di tale crescita, il capitale sociale sottoscritto è aumentato da 457.136 euro a 474.870 euro. I clienti che hanno almeno un rapporto di conto corrente, di finanziamento o libretto nominativo, sono 47.876, in crescita rispetto al 2012 di circa 7.000 unità. La clientela è costituita per quasi l'86 % da privati e il rimanente 14 % da persone giuridiche.

Gli impieghi sono concentrati per il 97,71 % nella zona di competenza della Banca, indice (in crescita sul 2012) che esprime la vocazione autenticamente locale della Prealpi che finanzia dunque lo sviluppo della zona di insediamento. Per quanto riguarda il razionamento del credito, il 29 % va in servizi come pure, nella stessa misura, alle famiglie consumatrici, il 14 % per edilizia e opere pubbliche e per industria in senso stretto, altre due fasce pari al 7 % in agricoltura e altri settori. Al 31 dicembre 2013 i dipendenti di Banca Prealpi sono 260 di cui il 62,3 % maschi e il 37,7 % femmine. A partire dal 1° gennaio 2004 il personale è cresciuto di 93 unità, pari ad oltre il 55%.

Negli ultimi sei esercizi (dal 2008, anno di avvio della crisi economica internazionale), Banca Prealpi ha accresciuto di otto il numero delle filiali e assunto 59 dipendenti in più, allargando il territorio di competenza fino a 94 comuni (in aumento di 24 unità) ed estendendosi dalla provincia di Belluno a quella di Venezia. Gli impieghi sono cresciuti del 33,5%, la raccolta globale del 44% e il patrimonio di vigilanza del 27,7%.

“Malgrado un contesto non facile, con una economia ancora in crisi nonostante i segnali di ripresa, cui si sommano le difficoltà dovute alla instabilità geopolitica e a questioni emergenti di cronaca legate a fenomeni di corruzione che non giovano alla credibilità del Paese e alla ripresa – afferma il presidente della Bcc Prealpi, Carlo Antiga – ci presentiamo a questa assemblea con rinnovata voglia di dare fiducia ai soci, alle famiglie, alle imprese nella consapevolezza di poter essere, per coloro che hanno progetti seri e prospettive concrete, un reale elemento di affidabilità. Sempre puntando su quei valori, come etica, tradizione, solidità e oculatezza, che consentono alla Banca di operare senza soluzione di continuità da 120 anni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Attualità

Veneto in zona arancione: cosa si può fare da martedì 6 aprile

Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento