rotate-mobile
Economia

Imu 2013, a Treviso stangata su seconde case e capannoni

Ca' Sugana rivede al rialzo le aliquote dell'imposta municipale unica sugli immobili diversi dalla prima casa. Come Treviso solo altri tre Comuni capoluogo di provincia hanno deciso di inasprire l'imposizione

Salasso in arrivo per i trevigiani possessori di seconde case e capannoni.

In attesa del decreto legge che dovrebbe sospendere (o forse abolire) l'imposta municipale unica sulla prima casa, il Comune di Treviso ha già ritoccato al rialzo le aliquote per il 2013.

L'aliquota per seconde case e capannoni artigianali e industriali passerà dallo 0,83 del 2012 allo 0,87, mentre quella per l'abitazione principale resta invariata.

Una stangata per le tasche dei trevigiani, che per il momento distingue Treviso dagli altri capoluoghi di provincia italiani.

Secondo quanto riferito dalla Cgia di Mestre, dei 35 Comuni capoluogo che hanno comunicato i parametri aggiornati al ministero dell'Economia, solo quattro hanno ritoccato le aliquote Imu al rialzo. Tra questi Treviso, appunto.

“Nonostante il numero dei Comuni che ha deliberato e inviato alle Finanze i propri dati sia ancora esiguo – spiega Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia - la tendenza appare abbastanza chiara. La maggior parte dei sindaci ha deciso di confermare le scelte prese l’anno scorso. Chi invece ha deliberato l’aumento per il 2013 ha inasprito il carico fiscale prevalentemente sulle seconde case o sui capannoni”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imu 2013, a Treviso stangata su seconde case e capannoni

TrevisoToday è in caricamento