Berco, i lavoratori approvano a larghissima maggioranza il nuovo premio di risultato

Il segretario delle tute blu della CGIL trevigiana Enrico Botter: «Siamo soddisfatti che lo sciopero dei lavoratori sia servito a recuperare una situazione critica»

Immagine di archivio

Dopo il passaggio nelle assemblee di venerdì, con la definizione del nuovo premio di risultato, alla Berco di Castelfranco Veneto si chiude definitivamente la vertenza che aveva portato alle 40 ore di sciopero nel corso degli scorsi mesi. Con 143 si, 1 no e 3 astenuti, i lavoratori hanno deciso per l’approvazione del nuovo premio di risultato per l’anno 2020/21. Un premio di risultato sperimentale su tre indicatori: produttività, qualità e presenza individuale per un valore massimo al raggiungimento del 100% degli obiettivi pari a 2.950 euro, che prevede inoltre ulteriori 350 euro di welfare. Lo ha annunciato il segretario delle tute blu della CGIL trevigiana Enrico Botter che ha seguito dall’inizio la vertenza Berco.

«Siamo soddisfatti che lo sciopero dei lavoratori sia servito a recuperare una situazione critica e che la trattativa sviluppata abbia ottenuto il consenso a larghissima maggioranza da parte dei lavoratori che si sono democraticamente espressi nel corso delle assemblee di venerdì – ha aggiunto Enrico Botter - Ora attendiamo l’esito del passaggio assembleare a Copparo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Corre in strada nuda e insanguinata: i residenti chiamano la Polizia

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento