rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Economia Castelfranco Veneto / Borgo Padova

ThyssenKrupp resta silente, alla Berco scoppia di nuovo lo sciopero

Saltano ancora una volta le trattative per arginare il fiume di licenziamenti negli stabilimenti di Castelfranco Veneto, Copparo e Busano Canavese. I sindacati replicano con agitazioni a oltranza

E' saltata la trattativa per scongiurare i 611 licenziamenti alla Berco. Di nuovo.

Proprio quando si trattava di definire la riduzione del numero di esuberi, gli incentivi per le dimissioni volontarie, le misure per i dipendenti vicini alla pensione e la concessione della cassa integrazione straordinaria, ThyssenKrupp, casa madre della Berco, si è chiusa improvvisamente in silenzio e l'amministratore delegato ha fatto marcia indietro.

Atteggiamento non nuovo ormai, che ha scatenato la reazione di sindacati e operai, che da lunedì presidiano a oltranza i cancelli degli stabilimenti di Borgo Padova a Castelfranco Veneto, Copparo e Busano Canavese.

Dopo la defezione della multinazionale tedesca, ministeri del Lavoro e dello Sviluppo economico, sindacati e amministratori hanno discusso fino a notte inoltrata, lunedì, per scongiurare i 611 licenziamenti nei tre poli italiani. Si tratta ormai di una vera e propria corsa contro il tempo: le procedure per i licenziamenti sono già state avviate e a partire dal 31 luglio dovrebbero arrivare a casa degli operai le tanto temute lettere.

Solo a Borgo Padova gli operai in esubero sono 59, ma anche per gli altri il futuro è incerto. Senza una ripresa degli ordinativi, la sede castellana della Berco rischia di essere tagliata fuori dalla produzione. L'unica salvezza è la sua specialità: le ruote tendicingolo, la cui fabbricazione non può essere spostata in altra sede.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ThyssenKrupp resta silente, alla Berco scoppia di nuovo lo sciopero

TrevisoToday è in caricamento