Calicantus, impennata delle vendite online al 36%

La chiusura di bilancio 2020 registra anche una crescita totale pari a +39% rispetto all’anno precedente. L’azienda veneta di digital commerce in full outsourcing, traccia le linee di previsione del mercato online e i trend di acquisto rilevanti per i prossimi mesi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

La pandemia ha determinato uno dei cambiamenti più profondi e radicali del Retail degli ultimi dieci anni e il mondo dell’e-commerce non ha ancora smesso di premere sull’acceleratore. La frequenza con cui si acquista online è infatti cresciuta del +79% nel post lockdown del 2020. I dati confermano che nel nostro Paese molte attività economico-produttive stanno progressivamente beneficiando delle potenzialità e dei vantaggi collegati all’innovazione: secondo l’Osservatorio eCommerce B2C, la penetrazione dell'e-commerce in Italia ha avuto un aumento del 26% nel 2020, ciò significa che il settore è cresciuto di più in questi pochi mesi che durante gli ultimi dieci anni. La fase Covid ha però anche messo in luce le difficoltà gestionali delle aziende non ancora allineate sul fronte organizzativo. L’improvviso aumento degli acquisti online ha causato problemi all’organizzazione della logistica, con rotture di stock, ritardi nelle consegne o impossibilità di recapitare la merce. Calicantus, forte della sua esperienza nella gestione e-commerce in full outsourcing, oltre ad aver registrato nel 2020 un aumento del fatturato pari al +39% rispetto all’anno precedente, ha individuato i trend che le aziende italiane devono cavalcare nel 2021 per beneficiare di questa importante crescita digitale.

“Il 2020 ci ha mostrato quanto velocemente anche le PMI possano evolversi tecnologicamente: puntare all’innovazione sarà la chiave di volta anche per il 2021 - afferma Valentino Bergamo, CEO di Calicantus - secondo le nostre previsioni la vendita omnicanale diventerà la nuova normalità. Gli utenti desiderano visualizzare i contenuti attraverso strumenti differenti e i brand stanno scoprendo nuovi modi per vendere i loro prodotti attraverso i social media.” La clientela è infatti appagata da un’esperienza di acquisto multicanale e su misura, basti pensare che il 72% delle persone interagisce solo con messaggi personalizzati. Stiamo assistendo a un’evoluzione delle aspettative da parte degli utenti, a cui corrisponde la necessità di utilizzare strumenti tecnologici più evoluti. Le aziende possono sfruttare l’intelligenza artificiale per migliorare i processi organizzativi, rendere più efficaci le strategie di marketing e migliorare l’esperienza cliente. Un altro elemento da tenere in considerazione, secondo Calicantus, è la sostenibilità: anche per Harvard Business Review il 65% degli acquirenti è incoraggiato all’acquisto green, promosso da quei brand che fanno dell’attenzione all’ambiente il proprio focus. I trend indicano poi che gli acquisti tramite social media non rallentano nel 2021: gli Instagram Shop e l'inizio della collaborazione tra Shopify e TikTok, solo per citarne alcune, sono feature che i brand sfrutteranno per individuare nuovi canali di vendita, adattandosi ai cambiamenti.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento