Economia

La domotica Came trova casa in quattro complessi residenziali in Lussemburgo

Circa 2.000 appartamenti sono stati dotati dell’innovativa tecnologia che permette di gestire con un unico sistema domotica, antintrusione, videocitofonia e controllo accessi

CASIER Came S.p.A - Gruppo riconosciuto in Italia e nel mondo nel settore della home & building automation, dell’urbanistica e dell’alta sicurezza - ha sviluppato un importante progetto domotico, dotando dell’innovativa tecnologia Came Domotic 3.0, quattro nuovi complessi residenziali costruiti nelle principali città del Lussemburgo. Il primo progetto realizzato è stato il complesso residenziale Les Étangs, situato su una superficie di 12.800 metri quadrati nell’esclusivo distretto di Mondorf-les-Bains e costituito da 146 appartamenti raggruppati in cinque edifici collocati nel mezzo di vasche decorate con piante acquatiche. Sono poi seguiti i progetti Florea a Schifflange, un complesso di 686 appartamenti, 42 case e 2000 m2 di area commerciale, Mondriani a Kohlenberg, una palazzina con 16 appartamenti di lusso, e Ilot A a Cloche d’Or, un complesso residenziale di 850 appartamenti con parco, per un totale di circa 2000 appartamenti domotici. Si tratta, peraltro, di un progetto in continua evoluzione, che prevede nel giro di pochi anni una considerevole crescita del numero di appartamenti dotati della domotica Came.

LA SFIDA Il committente aveva bisogno di una soluzione che gestisse, attraverso un unico sistema, tutti i dispositivi presenti nelle diverse abitazioni. Vista l’estensione del progetto era, inoltre, indispensabile garantire facilità di installazione e rapidità di programmazione. Il sistema doveva anche essere modulabile, per consentire a ogni utente di scegliere fra tre allestimenti diversi, a seconda delle specifiche esigenze di ciascuna famiglia. Doveva, inoltre, essere semplice e intuitivo da utilizzare, sia da parte dell’installatore che del padrone di casa, che dovevano avere la possibilità di accedervi, sia in locale che da remoto.

LA SOLUZIONE Came, chiamata dalla società immobiliare lussemburghese Prodomos, ha installato l’innovativa tecnologia domotica Came Domotic 3.0, facile da utilizzare e studiata per migliorare il comfort e il benessere delle persone all’interno della casa, creando uno spazio abitativo su misura per tutte le esigenze. L’innovativo pacchetto domotico proposto, in cui tutti i dispositivi sono collegati e integrati tra loro a 360°, prevede il controllo centralizzato di luci, tapparelle, tende e persiane, la gestione della termoregolazione, per poter disporre di una temperatura ideale in ogni momento della giornata, e il sistema di videocitofonia, per garantire sicurezza e privacy. La soluzione viene completata dal sistema antintrusione, provvisto di un’unità di controllo centrale, sirena interna e rivelatori, per assicurare protezione e serenità dentro e fuori ogni singolo appartamento. Il sistema di diffusione sonora, realizzato in collaborazione con Yamaha, consente, inoltre, di ascoltare la musica in ogni ambiente della casa creando atmosfere suggestive, mentre il sistema antincendio e antigas, con rivelatori di fumo e gas, aumenta la sicurezza all’interno dell’abitazione.

DOMOTICA E SCENARI Con le funzioni temporizzate è anche possibile programmare alcune attivazioni nell’arco della giornata, senza la necessità di essere presenti in casa. Grazie alla funzione di personalizzazione degli scenari (“Entra”, “Esci”, “Notte”, ecc.), si possono incorporare in un unico comando una serie di azioni programmate, selezionate a seconda delle singole necessità. Il set di comandi di attivazione può essere visualizzato attraverso mappe grafiche, che riproducono le immagini dei vari ambienti dell’abitazione, e gestito in maniera intuitiva dallo schermo del terminale centrale touch screen TS10 da 10 pollici, installato all’interno di ogni appartamento. L’impianto può essere controllato dai proprietari anche attraverso PC, smartphone e tablet dotati di apposita App. È, infatti, sufficiente avere una connessione Wi-Fi per collegarsi al server di sistema ETI/DOMO e gestire le singole funzioni tramite l’App DOMOTIC 3.0.

VIDEOCITOFONIA Per la parte di videocitofonia, è stato utilizzato il posto esterno digitale con display Digitha, che permette anche il controllo degli accessi attraverso un badge o un codice numerico. Dotato di tastiera touch sensitive, Digitha consente di personalizzare e adattare alcune funzioni alle diverse esigenze di chi lo utilizza. Per persone con deficit uditivi, ad esempio, dispone di led di stato e di immagini che compaiono nel display; per chi ha deficit visivi è dotato di messaggi vocali e segnalazioni sonore che identificano le diverse situazioni di funzionamento, come chiamata, conversazione, occupato e apriporta. Si tratta di un sistema XIP LAN, con una montante principale via BUS verso ogni terminale di appartamento e con un’interfaccia di rete a base impianto che permette la gestione delle chiamate anche da remoto. Gli appartamenti realizzati da Came sono dotati, inoltre, di classe di certificazione energetica BB a basso consumo, che riduce di quattro volte il consumo energetico rispetto ad abitazioni di classe energetica G.

ANTINTRUSIONE Per garantire la sicurezza delle abitazioni, è stata utilizzata la centrale antintrusione Proxinet8, estremamente affidabile e in grado di gestire 8 ingressi raggruppabili in aree singolarmente programmabili. Dispone di tastiera e inseritore per chiave a transponder a bordo e consente di alloggiare i combinatori telefonici PSTN e/o GSM. Si tratta di un prodotto, in grado di garantire un altissimo livello di sicurezza, che utilizza la tecnologia di prossimità e sfrutta i vantaggi del collegamento su rete LAN: velocità di trasmissione delle informazioni, efficienza della rete, semplicità di installazione e programmazione. Con Proxinet8 il sistema antintrusione può essere perfettamente integrato con il sistema domotico e controllato da remoto attraverso l’App Domotic 3.0.

MODULARITA' DELL'INSTALLAZIONE E GESTIONE DELL'IMPIANTO DA REMOTO Le abitazioni differiscono tra loro per la superficie e il numero di stanze, ma hanno, domoticamente parlando, una struttura simile e molto coerente l’una con l’altra. Questo fattore, unito all’estrema flessibilità della tecnologia proposta, ha consentito una certa meccanicità nella fase installativa e ha permesso una notevole riduzione nei tempi di installazione e di programmazione degli appartamenti. A seconda delle specifiche esigenze, i proprietari hanno potuto scegliere fra tre diversi allestimenti, che vanno da quello “base”, munito di sola domotica, a quello “medio”, fornito di domotica e collegamento da remoto, a quello “top”, dotato di domotica, antintrusione, audio e antincendio, con collegamento da remoto.

Grazie alla tecnologia Came Connect, che assicura il collegamento del sistema domotico al Cloud Came, sia l’utente che l’installatore possono gestire da remoto tramite tablet o smartphone i dispositivi installati. Dopo aver scaricato l’apposita applicazione, il proprietario può controllare, ovunque si trovi, lo stato di tutti gli ambienti e le immagini delle telecamere, attivare scenari, gestire le utenze e interagire con la propria abitazione in qualsiasi momento e in tutta sicurezza. Allo stesso modo l’installatore, previa autorizzazione del padrone di casa, ha la possibilità di fornire assistenza a distanza senza doversi per forza recare presso l’impianto che necessita di intervento. Con un semplice collegamento Internet o 3G, infatti, può collegarsi con il software di programmazione e interfacciarsi con l’impianto, effettuare operazioni di verifica e diagnostica, aggiornare i dispositivi installati, modificare i parametri, aggiungere funzionalità e supportare l’utente in qualsiasi momento, intervenendo in modo rapido ed efficace in caso di anomalie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La domotica Came trova casa in quattro complessi residenziali in Lussemburgo

TrevisoToday è in caricamento