rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Economia

Vacanze in Veneto: «Alberghi verso il tutto esaurito per Capodanno»

L'analisi di Massimiliano Schiavon, presidente di Federalberghi Veneto: «Montagna e terme le mete più richieste ma lago e spiagge venete vanno oltre il 30% di occupazione delle strutture in crescita per Capodanno»

I dati nazionali diffusi da Federalberghi delineano un quadro estremamente positivo con un più 15% di occupazione rispetto al 2021 per il Natale e un più 23% per Capodanno. Il Veneto rispecchia questa tendenza con tassi di occupazione in costante crescita trainati da montagna e terme. Sono questi alcuni dei dati più importanti sull’occupazione delle strutture ricettive delineati dai dati di H-Benchmark e dell’Osservatorio Turistico Federato della Regione Veneto.

TERME
Le terme presentano dati estremamente positivi con un tasso di occupazione dell’80,9% nel corso delle vacanze natalizie e con un ulteriore crescita prevista per Capodanno (92,8%).

MONTAGNA
La montagna segna per le vacanze natalizie un tasso di occupazione che va verso il 60% e con il periodo di Capodanno che raggiunge il 70,6% e che nei prossimi giorni potrebbe arrivare al tutto esaurito.

CITTÀ D’ARTE
Le città d’arte registrano per Capodanno un tasso di occupazione di oltre il 60% in forte crescita che fa presagire un ottimo risultato a consuntivo. In questo periodo dell’anno la montagna e le terme sono trainanti, ma lago e costa veneta presentano risultati significativi che vanno oltre il 30% di occupazione delle strutture in ulteriore crescita per Capodanno.

Il commento

Il presidente di Federalberghi Veneto, Massimiliano Schiavon, spiega: «Si tratta di un quadro che sottolinea il gradimento dei turisti verso le destinazioni veneto e la nostra offerta ricettiva alberghiera in grado di fornire un sicuro valore aggiunto all’esperienza del turista. È un segnale sicuramente positivo anche perché solo un anno fa eravamo in attesa del decreto sulle misure restrittive che ci hanno messo in ginocchio. Quest’anno sono certo che faremo la nostra parte e considerando che il turista oggi prenota sotto data sono fiducioso che i tassi di occupazione possano salire ancora nelle prossime ore. La capacità attrattiva delle nostre destinazioni - conclude Schiavon - è un segnale positivo che premia il lavoro svolto e ci fa ben sperare per il futuro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vacanze in Veneto: «Alberghi verso il tutto esaurito per Capodanno»

TrevisoToday è in caricamento