Domenica, 14 Luglio 2024
Economia Godega di Sant'Urbano

Bollette energia, Bottega: «Aumenti del 700%, ostacolo per il Made in Italy»

Sandro Bottega, patron dell'omonima azienda di Bibano di Godega, lancia l'allarme sul rincaro delle bollette che rischia di bloccare la ripartenza di molte aziende italiane dopo la crisi causata dalla pandemia

«Nella nostra azienda si è passati da un costo mensile dell'energia elettrica del 2019 di 12mila euro ai 69.600 del mese solo di dicembre 2021, con un aumento su base annua del 700%, pari a 600mila euro in più. Noi usiamo solo fonti alternative e questo ci fa aggravare la situazione». A dirlo è il "re del Prosecco" Sandro Bottega, patron dell'omonima azienda di Bibano di Godega di Sant'Urbano, tra i principali produttori di vino e distillati italiani. La questione del rincaro delle bollette energetiche rischia infatti di pregiudicare quanto di buono stanno facendo le aziende tricolori per ripartire dopo la crisi causata dalla pandemia.

«Le imprese italiane sono sane ed efficienti - continua l'imprenditore - ma la visione di lungo periodo ci fa supporre che il perdurare dell'aumento dei costi vada a erodere il valore aggiunto che esse creano, con le conseguenze di riduzione degli investimenti in ricerca, necessari per la crescita e lo sviluppo. Anche i settori dove il consumo di energia è inferiore a quello delle industrie meccaniche, quindi anche nell'agricoltura e nella lavorazione dei prodotti agricoli e anche quando le fonti di approvvigionamento sono alternative, come nel nostro caso, gli aumenti sono arrivati a incidere profondamente. L'allarme riguarda pertanto anche la qualità con il rischio che anch'essa debba fare i conti con l'impennata energetica. La qualità è il vero valore aggiunto del Made in Italy, non possiamo rischiare una revisione al ribasso, pena un indebolimento non solo delle aziende costrette a compromessi, ma anche dell'immagine complessiva dei prodotti italiani». Ma non solo, Bottega, ideatore del concept dei "Prosecco Bar", torna su un altro allarme, cioè quello legato alle assenze lavorative per via dei contagi che, nonostante siano in calo, continuano comunque a pesare sulla produttività aziendale: «Nel solo mese di gennaio abbiamo sopportato assenze di quasi il 20% del personale i cui costi collegati (per quarantene e malattie Covid) sono stati di oltre 100mila euro , a cui si sommano gli aumenti di materie prime (sempre in un mese) per oltre 300mila euro che significano un incremento su base annua pari al 30% del totale».

«La gravità della situazione - continua Bottega - non è soltanto legata all'aumento dei costi, ma anche alla totale incertezza nella quale ci troviamo a convivere causata dal fatto di non sapere quando riprenderà il turismo, quando gli aeroporti ritorneranno a essere pieni di viaggiatori e quando ci sarà una giusta repressione delle situazioni di concorrenza sleale dovute alla presenza di malavita o al lavoro nero di alcune aziende o alle vendite in nero di altre. Per poter incidere in tutto questo, non bisogna pensare solo al Pnrr, ma avere una visione di lungo periodo che investa nell'educazione di nuove classi dirigenti, nelle forze dell'ordine capaci di tutelare le imprese oneste e innovative (che garantiscano regolarità del mercato evitando regimi monopolistici) e con delle politiche che aiutino a calmierare i costi. La nostra azienda - conclude - ha mezzi e risorse per superare tutto questo, ma certamente regalare ricchezza a un mercato selvaggio non coincide con il benessere aziendale e nemmeno con quello nazionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollette energia, Bottega: «Aumenti del 700%, ostacolo per il Made in Italy»
TrevisoToday è in caricamento