rotate-mobile
Economia

Caro energia e aumento delle bollette, Conte: «Confidiamo in un aiuto del Governo»

Nonostante le difficoltà dovute ai rincari, il sindaco tranquillizza comunque i cittadini: «Se anche non ottenessimo fondi da Roma di certo non andremo a spegnere l'illuminazione pubblica, ma faremo tagli altrove»

Il caro energia, ed il conseguente aumento delle bollette, colpisce anche il Comune di Treviso che presto potrebbe dover affrontare un aumento sostanziale di circa 1,5 milioni di euro in bolletta a fine anno. Una cifra ben al di sopra degli attuali 1,2 milioni che attualmente Ca' Sugana investe per l'illuminazione pubblica ed il riscaldamento delle strutture di proprietà. Ecco che allora i circa 2,7 milioni annui che il Comune potrebbe essere costretto a spendere diventerebbero di difficile gestione, costringendo il sindaco ad operare dei tagli a qualche settore, come le opere pubbliche.

Nonostante gli evidenti problemi, che comunque affliggono tutti i Comuni, il sindaco tira dritto per la sua strada e non vuole saperne di procedere con lo spegnimento dell'illuminazione comunale sia nei quartieri che in città, un provvedimento che potenzialmente potrebbe andare in aiuto delle casse del Comune. «Possiamo tagliare i costi su molte aree di intervento, ma di certo non sulla sicurezza dei cittadini e per questo la "luce" nelle nostre strade è fondamentale. In ogni caso, rimango fiducioso di un pronto intervento da parte del Governo, come già dichiarato dal leader della Lega Salvini e dal Premier Draghi ieri sera. Se confermate le intenzioni di Roma, infatti, presto nelle casse dei Comuni potrebbe entrare nuova liquidità che andrebbe così a colmare l'aumento dei costi in bolletta. Insomma, un aiuto salvifico che anche come Presidente di Anci Veneto auspico arrivi il prima possibile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro energia e aumento delle bollette, Conte: «Confidiamo in un aiuto del Governo»

TrevisoToday è in caricamento