Economia

Casa post pandemia: il 90% dei trevigiani ora chiede terrazzo o giardino

Avere uno spazio esterno, ridurre la propria impronta ecologica, disporre di una stanza in più per lo smart working: sono solo alcune delle “nuove” richieste degli acquirenti

La pandemia ha cambiato profondamente il nostro approccio nei confronti della casa che, da luogo in cui tornare solo a fine giornata si è trasformata anche in ufficio, scuola, luogo di relax, spazio gioco e molto altro ancora: Crema Costruzioni, storica impresa costruttrice trevigiana, ha deciso di raccontare come sono cambiate le aspettative di chi cerca casa con una innovativa campagna social, #lacasachevorrei, che riassume le esigenze abitative rilevate nell’ultimo anno attraverso il contatto con un centinaio di clienti.

La “top ten” delle richieste conseguenti al lockdown del 2020 riguarda sia la disponibilità di spazi - avere un terrazzo spazioso o un giardino (90%), poter disporre di una stanza aggiuntiva da destinare a più utilizzi (60%) – sia il modo con cui la casa si integra nel contesto in cui si trova – basso impatto energetico (50%), possibilità di essere circondati dal verde – sia la capacità del modello abitativo di favorire le relazioni con i vicini di casa, anche in un’ottica di maggiore sicurezza (40%) – a tal proposito si ricorda come, a Pasqua 2020, gli abitanti del Residence Vivo di Ponzano Veneto decisero di condividere il momento di festa pranzando tutti in terrazza, lontani ma…vicini. La nuova campagna di comunicazione, che popolerà i canali social di Crema Costruzioni durante i mesi estivi a partire da martedì 13 luglio, affiancherà a ogni immagine selezionata dei residence realizzati dall’azienda una frase celebre particolarmente evocativa e insieme visual e copy andranno a esplicitare una nuova esigenza abitativa.

“Con questa azione – spiega Claudio Crema, titolare di Crema Costruzioni – abbiamo voluto raccontare “da dentro”, da addetti ai lavori, come sta cambiando la percezione della casa e quindi come si stanno modificando le richieste. In realtà, però, la pandemia non ha stravolto il mercato, ha solo reso manifeste delle tendenze che iniziavano ad affiorare da prima e che Crema Costruzioni già da alcuni anni aveva iniziato a cogliere e interpretare. Le persone oggi vogliono vivere la propria casa, desiderano poter avere a disposizione uno spazio flessibile, nel quale poter concentrare tutte le proprie attività. Anche da noi si sta affermando quello che viene definito “nesting”, il piacere di restare in casa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa post pandemia: il 90% dei trevigiani ora chiede terrazzo o giardino

TrevisoToday è in caricamento