menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un nuovo formaggio? Basta che non sfrutti il valore della casatella trevigiana dop

Antonio Maria Ciri, direttore di Coldiretti Treviso si interroga sull'ultima novità proposta da Fondazione Cassamarca e Centro Veneto Formaggi

TREVISO “Che una svista non diventi un clamoroso autogol…oppure è la bocciatura consapevole della valorizzazione di una nostra dop esistente?”. Antonio Maria Ciri, direttore di Coldiretti Treviso si interroga sull’ultima novità proposta da Fondazione Cassamarca e Centro Veneto Formaggi per valorizzare, secondo un comunicato stampa di queste ore, i formaggi del Grappa: “Promuovere e valorizzare i formaggi del Grappa è un progetto lodevole e da sostenere, ma creare un nuovo formaggio definito formagella molto morbida ma con crosta e chiamarla ‘La Casata’ risulta un’iniziativa singolare e incomprensibile se pensiamo che la provincia di Treviso vanta l’unica dop, tra i formaggi a pasta molle, a livello nazionale che si chiama Casatella Trevigiana”.

L’assonanza tra Casatella e Casata è troppo evidente secondo Coldiretti Treviso e soprattutto rischia di generare estrema confusione tra i cittadini consumatori. “Ciò che è grave è generare un nuovo progetto che va a scontrarsi con un prodotto protetto di casa nostra che con fatica e sacrifici ha ottenuto la denominazione di origine protetta – continua Ciri - Penso che Fondazione Cassamarca negli anni ha sempre dichiarato di valorizzare il territorio alzando l’asticella culturale delle sue iniziative in giro per il mondo. Trovarla in questa iniziativa mi sorprende perché a livello culturale si va proprio contro le origini di un formaggio come la Casatella Trevigiana che ha dimostrato di avere una storia e un perché…Nel voler creare un nuovo formaggio si poteva benissimo pensare a nomi originali e lontani dalla possibilità di dar vita a brutte copie della nostra Casatella Trevigiana Dop. Potrebbe essere stata una svista o la Fondazione potrebbe essere stata mal consigliata. Basta che quello che è successo non diventi un clamoroso errore e autogol per il patrimonio caseario trevigiano”. Coldiretti di Treviso non mancherà di chiedere un parere legale sulla tutela della denominazione di origine protetta Casatella Trevigiana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento