Economia

Apprendistato all’IPSIA Galilei con Confartigianato, boom di richieste

Il progetto connetterà scuola e lavoro, attraverso esperienze lavorative retribuite nelle aziende del territorio della Castellana

La nuova modalità di alternanza scuola-lavoro retribuita che partirà all’Istituto IPSIA Galileo Galilei di Castelfranco Veneto ha suscitato un grande apprezzamento tra gli studenti dell’ex 3° anno (a.s. 2020/21). Un modello formativo, promosso da Confartigianato, che permetterà ai ragazzi che frequenteranno quest’anno la quarta classe e nell’anno 2022/23 la quinta classe, di trascorrere in ciascun anno circa 370 ore all’interno di imprese del territorio e integrare la propria formazione scolastica con una formazione sul campo.

Ben 40 su 53 sono stati i candidati che hanno inoltrato domanda per essere inseriti nel programma di formazione. Un numero ben superiore anche alle aspettative dell’Istituto Galilei che ha previsto di attivare una sezione dedicata all’alternanza. Saranno quindi 26 gli effettivi candidati all’esperienza presso le aziende. Gli studenti saranno accompagnati da tutor aziendali che trasferiranno loro nuove competenze specifiche e caratteristiche dei processi produttivi e da tutor incaricati dalla scuola. L’attività scolastica e quella in azienda concorreranno entrambe al giudizio finale del Consiglio di Classe. All’ultimo incontro avvenuto l’8 settembre si sono presentati numerosi sia i ragazzi, accompagnati dalle loro famiglie, e gli imprenditori invitati dall’Istituto e da Confartigianato. Sono subito iniziati gli incontri individuali conoscitivi fra le imprese, il coordinatore di classe e gli studenti, che dal prossimo mese daranno piena attuazione al progetto.

Esprime entusiasmo per il progetto il nuovo Dirigente Scolastico dell’Istituto Galilei Prof.ssa Rita Salvadori. «Affrontiamo con piena consapevolezza e impegno – afferma - l’approccio a questa nuova frontiera per il fine ultimo del bene dei nostri ragazzi e la loro crescita e preparazione professionale e personale».

«Costruire una progettualità con il mondo della scuola è un obiettivo che avevamo da diverso tempo – ha commentato Maurizio Cattapan, Presidente di Confartigianato Castelfranco  – La figura dell'artigiano sta cambiando: le competenze e le mansioni vertono sempre più su ambiti digitali. È per questo che l’allineamento tra scuola e lavoro si rivela fondamentale. Questo primo accordo sottoscritto con l'IPSIA di Castelfranco ci ha fornito un segnale davvero positivo sull'interesse dei ragazzi nel voler dividere il loro impegno scolastico anche sul campo. È una grande opportunità che permetterà loro di conoscere a fondo anche le realtà artigiane e permetterà alle stesse di contare su futuri tecnici formati. Questo è necessario - continua Cattapan - anche per aumentare l’offerta di lavoro che sta scarseggiando rispetto ad una domanda da parte delle aziende in continuo aumento».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apprendistato all’IPSIA Galilei con Confartigianato, boom di richieste

TrevisoToday è in caricamento