Economia Castelfranco Veneto

Nuova vita ai materiali di scarto, il progetto di economia circolare di Dotto Trains

Si chiama Dotto Reuse by Ricrearti: prevede che dai materiali vengano creati oggetti di design coinvolgendo persone fragili

Dagli scarti industriali una nuova vita nel segno del design. E’ il progetto Dotto by Ricrearti promosso da Dotto Trains di Castelfranco Veneto, nota azienda specializzata nei treni turistici. Nei giorni scorsi i titolari, Sabrina Carraro e i figli Roberta e Alessandro Santi, hanno presentato i nuovi progetti sostenibili in un percorso di economia circolare e sociale. Sono intervenuti il Consigliere della Regione Veneto Alberto Villanova, l’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Conegliano Gianbruno Panizzutti, Debora Basei ideatrice del progetto, Giuliana Tochet fondatrice dell’Associazione il Pesco e di Alessandra Dussin Direttrice della Piccola Comunità.  Con loro i volontari e gli ospiti che hanno realizzato queste creazioni, pezzi unici completamente sostenibili.

Il progetto coinvolge anche altre aziende del Gruppo sostenibilità di Confindustria Veneto Est e punta non solo a valorizzare i materiali destinati allo smaltimento (cataloghi, roll up pubblicitari, materiali fieristici) ma, nell’impegno del lavoro, anche coinvolgere persone fragili come i malati di Alzheimer precoce o con disabilità lievi dell’Associazione il Pesco di Mogliano Veneto fondato da Giuliana Tochet e i ragazzi giovani della Piccola Comunità per scoprire talenti e potenzialità non ancora espresse. 

«Incontrare Debora, tanti anni fa – ha dichiarato Sabrina Carraro - è stata per noi una straordinaria sorpresa. L’idea di dare nuova vita a vecchi materiali di scarto, impegnando persone nel sociale ci è da subito sembrato un connubio straordinario, anche quando di sostenibilità non si parlava ancora. Tante sono state le iniziative portate avanti con Ricrearti. In questa occasione, con la consegna ufficiale dei gadget, ci è piaciuto che proprio i creatori dei nostri ‘pezzi unici’ fossero i protagonisti. Auspichiamo che, anche in condivisione con le istituzioni, si arrivi sempre più ad una sana e positiva contaminazione».

La presentazione del progetto-3

Per il Consigliere Regionale Alberto Villanova: «Questa iniziativa è un esempio da manuale da replicare. Perché mette insieme una peculiarità tipicamente italiana, la creatività, con una necessità, il riutilizzo dei materiali. Basterebbe questo per congratularsi con gli ideatori e gli autori di questi prodotti straordinari, perché il concetto del riuso, ormai pienamente entrato anche in moltissime realtà aziendali, è qui pienamente sostenibile. Ma c’è un aspetto che da un ulteriore valore aggiunto a queste creazioni: la finalità della iniziativa.  Perché questi prodotti sono realizzati anche da ospiti di comunità di persone fragili o con lievi disabilità. E’ sensazionale come si possa, da un inutile scarto industriale, arrivare a creare un oggetto che tiene insieme il riuso, la sostenibilità e la disabilità. Il Veneto è orgoglioso di progetti come Dotto Reuse by Ricrearti».

«Quando è nato Ricrearti – ha detto Debora Basei - ho sempre pensato che per completare il senso di questa iniziativa sarebbe stato molto bello accompagnare le persone a vedere l’azienda per la quale hanno creato.  Ogni impresa poi è un’enciclopedia da sfogliare o per i più giovani “un sito da consultare e studiare” ma vedere di persona arricchisce tutti. Ringrazio la famiglia di Dotto Trains per questa opportunità: pensare che le nostre creazioni sono esportate in tutto il mondo insieme ai Trenini Dotto mi rende particolarmente orgogliosa e sapere che sono realizzate da persone in difficoltà che tra loro si aiutano, mi fa credere che un mondo migliore possa esistere e questa è la spinta creativa che da vita alle creazioni Ricrearti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova vita ai materiali di scarto, il progetto di economia circolare di Dotto Trains
TrevisoToday è in caricamento