Cimba è riconosciuto come “Institution” su LinkedIn

Turchet: «Siamo il centro del networking professionale per oltre 10.000 manager: relazioni in tutto il mondo e online.»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

CIMBA è tra le  “Top Institution” in Italia per Linked-in, il social network più diffuso al mondo dedicato ai contatti professionali. Con oltre 10.000 followers è riconosciuta tra le realtà capaci di veicolare opinioni, aggregando attorno a sé una considerevole quantità di persone. La notorietà che ne consegue fa di CIMBA un soggetto influente sui temi di competenza, quali l’alta formazione manageriale, la leadership, lo sviluppo personale e le neuroscienze. 

«Siamo consapevoli del grande valore che ha il networking nello sviluppo della carriera professionale dei manager – afferma Cristina Turchet, Executive Director di CIMBA. Partecipare alla formazione di CIMBA significa entrare in una grande comunità, che noi chiamiamo “CIMBA Family”, in cui i rapporti con i colleghi e con i docenti di tutto il mondo restano dei contatti privilegiati, che entrano nel patrimonio di tutti i manager che qui si sono formati. Con un’attività ventennale della nostra business school contiamo oltre 10mila professionisti in tutto il mondo. Tra  di loro il networking è uno strumento dalle grandi potenzialità, per creare chance di carriera».

Il concetto di networking sta alla base di tutto il mondo dei social network, ed in particolare di LinkedIn che dà la possibilità agli utenti di creare reti di contatti e relazioni online sulla base di interessi professionali, facendo crescere la propria cerchia di conoscenze attraverso contatti qualificati. Nella ricerca di un partner o di un collaboratore, inoltre, sempre più si fa riferimento a Linked-in per la  selezione. Da oggi gli studenti CIMBA possono indicare la business school nella loro sezione riservata alla formazione: è un modo per tenere i contatti con l’intera comunità degli ex studenti e con la scuola.

«Si tratta di connessioni preziose per la carriera – prosegue Turchet. Persone con un background comune accorciano le distanze, si sentono parte di una stessa cultura, e sono più inclini a collaborare tra di loro. La carriera dei propri compagni di studi funge da ispirazione, e il social network diventa il luogo dove discutere argomenti di interesse comune, in particolare tra persone che si trovano a lavorare in tutto il mondo, in luoghi distanti.»

Nei giorni scorsi alla business school di Paderno del Grappa si è tenuta la “Graduation” dei partecipanti italiani al programma MBA. Il corso si era concluso negli USA in luglio, ma solo ora sono arrivati in Italia i diplomi. Dei 27 manager che hanno concluso il loro percorso di studi MBA, 12 sono veneti.

«Ho conseguito l’MBA seguendo il programma full-time – racconta Irene Cavasin, diplomata in questa sessione. Dopo la laurea in Ingegneria (ottenuta due anni fa) ho deciso di cambiare direzione alla mia carriera ampliando le competenze in ambito gestionale; ho scelto Cimba sia per una vicinanza territoriale sia perché offre un master internazionale, in lingua inglese. La ricchezza di questo percorso sta nella sua capacità di insegnare a prendere punti di vista nuovi, che permettono di interagire con ambiti molto diversi, ampliando gli orizzonti professionali. In questo, avere compagni di studio con provenienze ed esperienze varie, e di grande valore, arricchisce moltissimo. Oggi lavoro in Ernst & Young, nel settore assicurativo. Il networking è valore aggiunto del Master, e ritengo che ogni evento di aggregazione finalizzato ad incontrare altri professionisti sia di grande importanza per una crescita continua. In particolare in Veneto, dove i rapporti personali e i contatti diretti sono fondamentali, è primario avere accesso alle persone che potrebbero essere la chiave di volta per una carriera. Per questo ogni proposta che porta all’incontro professionale merita di essere sviluppata.» 

Questi nuovi diplomati entrano nel numero degli oltre 850 studenti che dalla prima edizione nel 1992 hanno frequentato il programma MBA di CIMBA, attualmente alla sua 24esima edizione. 45 nazionalità sono rappresentate da questi partecipanti, che hanno svolto complessivamente 76 progetti di consulenza per imprese del territorio, come parte integrante del lori percorso MBA. CIMBA propone altri corsi, come ECIMS (Executive Certificate in International Management and Strategy), oggi alla 14esima edizione, che dal 2001 ha formato 250 manager di 8 nazionalità diverse, coinvolgendo oltre 100 aziende. Un altro fiore all’occhiello è il programma LIFE (Leadership Initiative For Excellence), formazione esperienziale incentrata sullo sviluppo della leadership: ideato in CIMBA sulla base dei più avanzati studi di neuroscienze al mondo, è stato lanciato nel 2008, e si ripete circa 10 volte l’anno, sia in inglese che in italiano. Negli anni lo hanno scelto oltre 1000 manager e professionisti di oltre 50 aziende di 15 Paesi diversi. Non ultimi, sono da annoverare gli oltre 10.000 studenti universitari internazionali, provenienti da oltre 45 università degli Stati Uniti, che dal 2000 scelgono l’Italia, e CIMBA, per il loro semestre di formazione all’estero.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento