rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Economia

Circuito credito-investimenti: la ricetta per la ripresa economica

Nicola Tognana (Camera di Commercio): "La crescita non è una chimera, ma dipende anche da noi, dalla nostra voglia di cambiare"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

"Se non ripristineremo la normalità del circuito credito-investimenti non ci sarà crescita". Nicola Tognana, presidente della Camera di Commercio di Treviso non ha dubbi: per agganciare la ripresa le imprese trevigiane devono sicuramente agire in modo proattivo ma per avere dei risultati concreti occorre il supporto del sistema bancario locale. Le opinioni del presidente dell'ente camerale di Treviso e quelle dei rappresentanti delle banche operative sul territorio sono state raccolte da Banca Finanza, mensile finanziario in questi giorni in edicola, nell'ambito di un'inchiesta sul rapporto banche-imprese a Treviso.

Nicola Tognana ha riferito a BancaFinanza come il problema del rapporto tra banche e imprese a Treviso non sia unicamente riconducibile alla maggiore rigidità dei criteri di concessione dei fidi ma sia anche legato alla necessità di predisporre dei piani credibili "In grado di dimostrare la capacità di creare dei flussi di cassa idonei ai piani di rimborso pianificati".

Secondo Tognana non ci sono grosse differenze nel modo in cui le banche nate sul territorio e le filiali delle banche nazionali si interfacciano con gli imprenditori: "Spesso la conoscenza approfondita dell'impresa e dell'imprenditore rendono le cose più facili, tuttavia devo ammettere che tutto il sistema si sta adeguando a conoscere approfonditamente le imprese e i suoi vertici al fine di valutare ampiamente la dimensione dell'accesso al credito".

BancaFinanza ha anche raccolto l'opinione di alcune banche attive sul territorio, che hanno raccontato tutte le iniziative messe in campo per sostenere le imprese e le famiglie trevigiane. Mosè Fagiani, condirettore generale di Veneto Banca ha riferito che il proprio istituto ha attivato "una serie di iniziative specifiche nei confronti di chi non disponeva dei requisiti necessari per richiedere la moratoria ABI per la dilazione del pagamento delle rate. Veneto Banca ha anche reso operative linee di credito per anticipare la cassa integrazione guadagni straordinaria".

Simili le iniziative anticrisi studiate per le famiglie dal Credito Trevigiano BCC. "Il nostro istituto - ha riferito a BancaFinanza Umberto Longo - ha rimodulato il piano strategico ponendo l'obiettivo di destinare integralmente agli impieghi alla clientela tutta la raccolta conseguita dalla banca. Abbiamo in altre parole sacrificato la redditività per poter migliorare l'incisività riferita ai finanziamenti".

Sul fronte dei finanziamenti alle imprese i rappresentati di Veneto Banca e Credito Trevigiano BCC, intervistati da BancaFinanza, hanno ammesso di fare più selezione nell'erogazione del credito. D'altronde visti i tassi di insolvenza che sono aumentati, è difficile fare diversamente.

A migliorare i rapporti tra banche e imprese ci sono i confidi. "Il Credito Trevigiano BCC - ha spiegato Longo a BancaFinanza - ha instaurato rapporti ottimi con le associazioni categoria e i confidi. Bisogna però evidenziare che anche i consorzi di garanzia attraverso un momento di difficoltà".

Simile la posizione di Fagiani: "I rapporti con le associazioni di categoria - ha detto a Banca Finanza il manager di Veneto Banca - sono stati sempre forti perché ci consentono di svolgere un'attività commerciale mirata che ci porta elaborare prodotti ad hoc". " In un periodo di crisi - ha aggiunto Fagiani - è evidente che i confidi diano un grosso contributo all'impresa e alle banche. Quando procediamo nella valutazione di una impresa, gradiamo il fatto che ci sia il supporto della garanzia di un confidi. In Veneto, poi, sono abbastanza patrimonializzati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Circuito credito-investimenti: la ricetta per la ripresa economica

TrevisoToday è in caricamento