menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Questine affitti, i consigli del sindacato della Cisl

Questine affitti, i consigli del sindacato della Cisl

Affitti, i consigli del sindacato della Cisl a inquilini e proprietari

La possibilità di diluire i canoni non pagati di marzo, aprile e probabilmente anche maggio, dovrebbe, secondo il Sicet, riguardare tutte le locazioni, anche quella tra privati

«In questa situazione di estrema emergenza che sta creando grandi difficoltà al mondo produttivo ed economico del Paese, sono continuamente sollecitato da inquilini, ma anche da proprietari, che mi chiedono suggerimenti sul da farsi. I primi perché in difficoltà nel far fronte al pagamento del canone, i proprietari perché si vedono venir meno magari l’unica fonte di reddito». Pietro Scomparin, reggente del Sicet, il Sindacato inquilini della Cisl Belluno Treviso, interviene in merito all’emergenza legata agli immobili in affitto, siano essi per uso abitativo o commerciale.

«La modalità con la quale farci guidare in tempi di epidemia - sottolinea Scomparin - dovrebbe essere il buonsenso, al di sopra delle nostre appartenenze e delle nostre rispettive rappresentanze. Credo che al momento il problema più grave ce l’abbiano i piccoli commercianti che hanno dovuto chiudere le attività, interrompendo il normale flusso finanziario: sono stati messi da subito nella condizione di non riuscire a far fronte a tutte le normali scadenze, tra le quali il canone di affitto nel caso in cui l’attività non venisse svolta in locali di proprietà. Il buonsenso - prosegue il responsabile del Sicet territoriale - mi direbbe che in questi casi locatore e conduttore si dovrebbero accordare per una soluzione transitoria da formalizzare che preveda la sospensione e la riduzione del canone e la diluizione del canone non pagato di marzo e aprile e maggio 2020 nel tempo. Questa potrebbe essere prima una indicazione che siamo in grado di dare a tutti».

La possibilità di diluire i canoni non pagati di marzo, aprile e probabilmente anche maggio, dovrebbe, secondo il Sicet, riguardare tutte le locazioni, anche quella tra privati. Eventuali accordi che prevedano la riduzione del canone dovranno essere inviati all’Agenzia delle Entrate in appendice ai contratti di locazione registrati. «Nel caso in cui non si trovi un accordo - prosegue Scomparin - resta sempre l’ultima spiaggia che non vorrei mai percorrere, che consiste nel comunicare al locatore la sopravvenuta impossibilità di far fronte al pagamento del canone per fatti non imputabili alla volontà del conduttore ( artt. 1218, 1256, 1258, 1464 c.c.). Ovviamente in mancanza di precedenti giurisprudenziali che avallino questa tesi come causa di forza maggiore, daremmo solo del lavoro ai legali con costi ulteriori per tutta la comunità. Guardando oltre invece, potremmo ipotizzare di agire sulla leva fiscale con la cedolare secca per tutti (imposizione fiscale ridotta del 10% sui canoni di locazione); l’eliminazione della tassazione per i canoni non percepiti; la soppressione o riduzione Imu 2020 per le case locate e innalzamento all’aliquota massima per quelle non locate; l’innalzamento del credito d’imposta per i canoni pagati. Questi interventi però dovranno essere accompagnati contestualmente ad una riduzione dei canoni da parte dei locatori». Resta infine da individuare una soluzione per le migliaia di studenti universitari che si trovano a dover pagare il canone pur non utilizzando l’immobile. Anche per questi sarebbe necessario trovare un accordo con il locatore e in ogni caso prevedere anche per loro il credito d’imposta alla pari delle locazioni commerciali così come stabilito dal    D.L. 18/2020.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Aggredisce una studentessa in bici: 44enne finisce in carcere

  • Attualità

    Covid, 162 nuovi positivi e altri tre morti nella Marca

  • Attualità

    Vax Day per gli Over 80 nella Marca: «Oltre duemila vaccinati»

  • Attualità

    Monastier, sit-in davanti alla casa occupata: «Fuori gli abusivi»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento