La Coldiretti Treviso gioisce: via libera al Prosecco Rosè, si stapperà a Capodanno

Giorgio Polegato, presidente di Coldiretti Treviso: «Una bellissima notizia che ci mette nella strada giusta per ottenere il giusto riconoscimento dai mercati e dai consumatori»

Un Prosecco Rosè di Bottega

Un ottimo Prosecco Rosè per il prossimo Capodanno! La novità è realtà. E’ arrivato, infatti, il via libera dell’Unione Europea al Prosecco Rosè con la comunicazione di approvazione di una modifica ordinaria al disciplinare di produzione che consentirà di stappare le prime bottiglie già a Capodanno nonostante i timori per possibili lockdown in Italia e nel mondo. Lo rende noto la Coldiretti nell’annunciarne l’avvenuta pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C 362/26.

«Una bellissima notizia che ci mette nella strada giusta per ottenere il giusto riconoscimento dai mercati e dai consumatori. Per l’annata 2019 ci sono già 14 milioni di bottiglie pronte per raggiungere i consumatori italiani e stranieri, sebbene ci siano difficoltà nell’arrivare a breve negli scaffali dei supermercati di tutto il mondo visto che siamo a fine novembre.Quindi è giusto aspettarsi l’exploit per l’anno venturo – sottolinea Giorgio Polegato, presidente di Coldiretti Treviso – I complimenti li dobbiamo poi fare a quelle imprese vitivinicole che sanno esprimere prodotti di qualità che incontrano i gusti di un pubblico sempre più esigente e capace di scegliere l’eccellenza. D’altra parte aspettiamo nelle nostre colline patrimonio dell’Umanità l’arrivo di tanti turisti, appena l’emergenza finirà, per conoscere i luoghi della produzione del nuovo rosè».

«L’arrivo della tipologia rosè – sottolinea la Coldiretti - rappresenta un importante arricchimento per il vino italiano più esportato al mondo con un valore delle vendite di 533 milioni di euro nei primi sette mesi del 2020 nonostante le difficoltà determinate dal Covid sugli scambi commerciali nazionali e sulle vendite delle ristorazione con lo stop a party e cerimonie. Con la nuova offerta il Prosecco si prepara a catturare un nuovo mercato che ha avuto negli ultimi anni una interessante crescita anche sui mercati esteri. L’obiettivo – riferisce la Coldiretti - è il 10% della produzione, ovvero un potenziale di 50 milioni di bottiglie di prosecco rose’ da immettere sul mercato nei prossimi mesi».

Le bollicine più famose al mondo possono ora vantare un ulteriore riconoscimento ufficiale ed incontrare il gusto dei consumatori sempre più attenti all’origine e al saper bere, dopo l’avvenuta iscrizione del sito veneto “Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene” nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco lo scorso anno. «L’importante novità – continua la Coldiretti – ha un valore da triano per l’intero sistema vitivinicolo nazionale che per la prima volta dopo una crescita ininterrotta di 30 anni registra una contrazione del valore delle vendite all’estero del 3% nel corso dei primi sette mesi del 2020 a causa delle difficoltà registrate dalla ristorazione in tutto il mondo per l’emergenza coronavirus. Un dato preoccupante – conclude la Coldiretti - dopo il record storico di 6,4 miliardi fatto segnare lo scorso anno per le esportazioni di vino Made in Italy nel 2019».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento