Tutela della crisi economica a causa del Covid-19: premiato il Comune di Treviso

Ca' Sugana è stata nominata “Ambasciatore dell’Economia Civile” per il progetto "TrevisoFund" a sostegno delle attività produttive e delle imprese nel post-Coronavirus

Una foto di gruppo al termine della conferenza stampa

Il Comune di Treviso è stato nominato “Ambasciatore dell’Economia Civile”. Sono cinque le municipalità (tra cui Este e Latina) che potranno fregiarsi di questo titolo che viene attribuito in occasione del Festival Nazionale dell’Economia Civile di Firenze sulla base delle buone pratiche realizzate nei rispettivi territori in applicazione dei principi di solidarietà, reciprocità e valorizzazione del bene comune. Il Festival Nazionale dell’Economia Civile è promosso da Federcasse, NeXt e SEC ed è un luogo di incontro per la mobilitazione di persone, imprese e associazioni per una nuova economia e riscoprire e attualizzare – attraverso la presentazione di “buone pratiche” – i valori alla base dell’Economia Civile.

Il progetto selezionato dal Comitato scientifico è TrevisoFund, provvedimento a sostegno delle attività produttive e delle imprese nel processo di ripartenza dall’emergenza Coronavirus. Un’azione propulsiva per contenere gli effetti negativi che l’emergenza epidemiologica sta producendo nel tessuto socio-economico locale e nazionale. Il progetto prevede un budget finanziario complessivo del Comune di Treviso di 520 mila euro ai consorzi che garantiscono l’erogazione di garanzie ai comparti dell’industria, del commercio, dell’artigianato e dell’agricoltura generando finanziamenti fino a 5 milioni di euro per imprese e attività commerciali, che possono così programmare il rilancio delle rispettive realtà dopo mesi di chiusura tramite un’istruttoria semplificata (documentazione reddituale 2019, atto costitutivo, una visura camerale e un documento d’identità) e disporre, dopo 15 giorni, della liquidità richiesta.

Gli istituti di credito, a condizioni vantaggiose, concedono finanziamenti per le imprese che hanno la sede operativa nel territorio comunale di Treviso, con un tasso di interesse bancario fisso di 0,70. Il primo istituto a credere nel progetto è stato CentroMarca Banca, che ha collaborato con l’Amministrazione e i Cofidi per la buona riuscita dell’iniziativa. Il budget per il Treviso Fund, durante il primo step, è stato esaurito in pochi giorni con oltre 80 pratiche evase per imprese e partite Iva nei settori del commercio, della ristorazione, della consulenza dei servizi alla persona e dell’artigianato. Il Comune di Treviso potrà dunque utilizzare il riconoscimento di Ambasciatore dell’Economia Civile in tutte le comunicazioni nonché partecipare come testimonial agli eventi che si terranno fino alla prossima edizione del Festival. L’Amministrazione comunale (rappresentata dal Sindaco Conte e dal vicesindaco De Checchi) ritirerà il premio domenica 27 settembre, alle ore 10, a Palazzo Vecchio di Firenze.

«Si tratta di una notizia straordinaria per tutta la città! - afferma ai nostri microfoni il primo cittadino trevigiano - Questo è a tutti gli effetti un riconoscimento di squadra, una medaglia da indossare per un progetto che ha solo ricevuto tanti complimenti fin dall'inizio. E' quindi bello poter essere un esempio virtuoso per tutta Italia, nella consapevolezza di aver fatto un qualcosa di utile per la nostra comunità. D'altronde, i punti cardine di TrevisoFund erano la poca burocrazia, la velocità di erogazione dei fondi ma soprattutto una risposta immediata alla crisi economica portata dal Covid-19».

Così, invece, l'assessore De Checchi: «TrevisoFund è la dimostrazione di idee chiare e capacità tecniche notevoli in seno alla Pubblica Amministrazione. Un'iniziativa quindi importante per l'intera città e per questo un plauso va a tutti coloro che hanno permesso la riuscita di questo progetto e per come è stato gestito durante gli ultimi mesi nonostante la pandemia in corso. Inoltre, un grazie speciale lo dedico a Tiziano Cenedese, di CetroMarcaBanca, per essere stato vicino a noi fin dai primissimi istanti di ideazione di TrevisoFund, così come i Cofidi con cui abbiamo sempre collaborato a stretto contatto».

«Amministrazione comunale di Treviso e CMB, due realtà diverse ma con gli stessi obiettivi: la salvaguardia e l'aiuto alle persone del territorio. Siamo orgogliosi di sostenere le imprese attraverso questo progetto - commenta infine il Direttore Generale di CentroMarca Banca Claudio Alessandrini - Treviso Fund è un'alleanza per lo sviluppo e per il rilancio della nostra economia, Un piano di ripresa al quale la nostra Banca ha creduto, fin da subito. Abbiamo risposto concretamente e, in soli cinque giorni dalla richiesta, ben 82 aziende del nostro territorio sono riuscite ad ottenere subito un supporto che potrà mantenere la continuità della loro attività e assicurare il servizio e sostegno alla comunità. Ringrazio fortemente i miei collaboratori, senza di loro sarebbe stato impensabile raggiungere questi risultati e garantire una liquidità immediata».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: cos'è il saturimetro e perchè potrebbe salvarti la vita

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Suicida a 44 anni, indagato il marito per maltrattamenti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento