Martedì, 18 Maggio 2021
Economia

27 anni e una laurea in giurisprudenza, decide di aprire un birrificio

L'avventura di Jacopo Lorenzetto, giovane imprenditore coneglianese: coltiva in proprio frumento, orzo e spezie con cui produce le sue birre artigianali. Il 24 settembre l'inaugurazione

CONEGLIANO Dalla stessa terra resa famosa della vite, Conegliano, nasce "Birrificio Lorenzetto": frumento e orzo tutti naturali per quattro diversi stili di birra artigianale e agricola più una guest, ispirata al solo mese di settembre, da scoprire durante la festa organizzata per sabato 24 settembre. Nell’epoca in cui il cibo è cultura, ciò che è naturale e fatto a mano acquista valore per la cura e l’artigianalità adoperati nel realizzarli. La birra è una scelta, un piacere, un momento personale o di condivisione. Abbandonare le birre industriali o travestite da artigianali diventa una scelta quasi obbligata non solo per chi ha passione per questo mondo, ma anche per chi vuole bere in modo differente, migliore. Sulla base di questi stessi principi e rispetto per la propria terra che l'azienda ha deciso di produrre Cima, Riot, Candice e Baal.

Scegliere di aprire alla birra in una terra segnata dal successo del vino spezza una consuetudine. Di più è la scommessa di un giovane, Jacopo Lorenzetto, 27 anni studi classici ed un legame forte con la propria terra, che dopo la laurea in giurisprudenza decide di lasciare Milano e tornare a casa, Conegliano, per coltivare questa idea. Da una sua grande passione, la birra, prende forma il disegno di un birrificio non solo artigianale ma anche agricolo, producendo in proprio frumento, orzo e alcune spezie - come il coriandolo - per realizzare un prodotto unico. Un percorso iniziato a ottobre 2015 con la semina dei campi a orzo e frumento arrivando a oggi, settembre 2016, all’apertura dello stabilimento e con la produzione di quattro birre. Quattro stili diversi di interpretare i classici con l’obiettivo di arrivare a palati diversi, facendosi riconoscere grazie al toco personale studiato per ognuna di loro.

Le Birre
L’immancabile bionda, CIMA, prodotta con il 100% di malto pils derivato dall'orzo delle campagne venete. Ispirata allo stile Golden Ale, si riconosce dall'amaro - all'inizio pungente - che lascia una piacevole sensazione nel retrogusto.

L’ambrata, RIOT, ad alta fermentazione e moderna interpretazione dello stile California Common grazie al lievito a bassa fermentazione che viene lasciato libero di lavorare a una temperatura superiore al consueto. Si contraddistingue per il deciso aroma dato dall’abbondante luppolatura.

CANDICE, la bianca ad alta fermentazione con tipica aromatizzazione con coriandolo e buccia d’arancia, si rinnova e arricchisce con bacche di ginepro, fiori di camomilla ed acetosella per un risultato rinfrescante in bocca e piacevole al naso.

Paradigma di Belgian Ale BAAL: limpida e dall’intenso colore, gli aromi dei cinque malti utilizzati e del tradizionale lievito conferiscono una forte intensità olfattiva e con reminiscenze inaspettate date dalla nobile luppolatura.

Tutte le birre saranno presentate il 24 settembre in occasione dell’inaugurazione di Birrifico Lorenzetto, nel suo stabilimento in Via Camillo Vazzoler 30/A Conegliano a partire dalle 18.00. Special guest della giornata sarà WET HOP. Lanciata il giorno stesso della festa inaugurale, questa birra è realizzata con luppolo italiano. Una birra stagionale e inimitabile, resa singolare grazie alla lavorazione del luppolo nelle prime 48 dalla raccolta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

27 anni e una laurea in giurisprudenza, decide di aprire un birrificio

TrevisoToday è in caricamento