Domenica, 16 Maggio 2021
Economia Via Camillo Bianchi

Alternanza scuola-lavoro: studenti dell’Itis “Max Planck” di Treviso alla Keyline

Ad accoglierli e dare loro il benvenuto in fabbrica è stata Mariacristina Gribaudi, amministratrice unica dell'azienda che produce chiavi e macchine duplicatrici

CONEGLIANO Lo stabilimento di Keyline, in via Camillo Bianchi a Conegliano, ha aperto le porte ad un centinaio di studenti dell’Itis “Max Planck” di Treviso, giunti in azienda nell’ambito del progetto alternanza scuola-lavoro. L’attività segna il passaggio tra le attività formative sviluppate nel corso della classe terza e le esperienze lavorative che verranno svolte nel corso del prossimo anno scolastico. Le quattri classi terze coinvolte, guidate dai docenti, si sono suddivise in due turni di visita, uno al mattino e l’altro al pomeriggio. Ad accoglierli e dare loro il benvenuto in fabbrica è stata Mariacristina Gribaudi, amministratrice unica dell’azienda che produce chiavi e macchine duplicatrici.

Keyline – ha detto Gribaudi – è un’azienda fortemente radicata nel territorio in cui opera, perchè è da esso che trae le risorse e i talenti che poi vengono impiegati nella produzione di oggetti, belli e utili, come sono le nostre chiavi. Incontrare dei giovani rientra nella filosofia aziendale che fa dell’innovazione il suo punto di forza. Il confronto offre stimoli reciproci ed è un’occasione straordinaria per far comprendere il grande valore del sistema produttivo di questo territorio a chi spera in un futuro dove ci sia occupazione e benessere”. Gli studenti hanno poi incontrato gli addetti dei reparti produttivi, trovando più di qualcuno che aveva frequentato la loro stessa scuola con i quali hanno scambiato molte utili informazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alternanza scuola-lavoro: studenti dell’Itis “Max Planck” di Treviso alla Keyline

TrevisoToday è in caricamento