rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Economia

Nuovi orizzonti per il Consorzio Agrario Treviso e Belluno: ecco l'espansione nel Veneto Orientale

La nuova area commerciale, per vendere i macchinari marchiati New Holland, si estenderà tra il Sandonatese, il Portogruarese, Venezia, Marcon e la zona di Cavallino-Treporti

TREVISO Il Consorzio Agrario di Treviso e Belluno sbarca nel Veneto Orientale come nuovo concessionario esclusivo di New Holland. La cooperativa interprovinciale, che conta circa 2500 soci nelle province di Treviso e Belluno, è pronta ad espandere la sua attività legata alla vendita e ai servizi per le macchine agricole nei comuni di Venezia, Marcon e Cavallino-Treporti, oltre a quelli dell’area del sandonatese e del portogruarese.

Il lancio ufficiale del nuovo incarico si è tenuto nella giornata di martedì a Caorle, presso l’Azienda Agricola Ca’ Corniani di Genagricola SpA, dove il Consorzio Agrario ha organizzato l’evento “Agricamp”: oltre cinquecento gli agricoltori del veneziano giunti all’appuntamento, dedicato in particolare alle tecnologie al servizio dell’agricoltura conservativa di precisione, nuove fronte di innovazione in agricoltura, che rientra tra le misure finanziate dal PSR 2014-2020. Ad approfondire l’argomento, autorevoli relatori del mondo accademico e un’ampia selezione di mezzi, provati sui terreni della tenuta Ca’ Corniani (azienda agricola più grande d’Italia), che hanno illustrato i benefici derivanti da operazioni ancora scarsamente praticate in agricoltura, come semina diretta (no-tillage), rotazione delle colture (crop rotation), gestione del residuo colturale (mulching), colture di copertura (cover cropping), semina e concimazione a rateo variabile: tecniche chiave dell’agricoltura conservativa di precisione, che consentono da un lato di preservare la fertilità del suolo e dall’altro di ridurre il consumo delle risorse (idriche e nutrienti), mediante l’utilizzo di tecnologie dotate di intelligenza geografica, che mappano i terreni indicando precisamente dove intervenire.

«Abbiamo scelto questo tema perché rappresenta la prospettiva di sviluppo più compatibile con un territorio vocato ad un modello di agricoltura estensiva – commenta Elsa Bigai, direttore del Consorzio Agrario di Treviso e Belluno – L’anno scorso la nostra azienda ha realizzato una performance straordinaria nella vendita delle macchine agricole, trascinata nel trevigiano dall’incremento degli investimenti nel settore vitivinicolo: in dodici mesi abbiamo venduto la cifra record di 220 trattori (+67% rispetto al 2015), oltre a circa 50 atomizzatori a recupero e 7 vendemmiatrici, per una crescita delle entrate del settore pari al 25% e un volume d’affari complessivo di oltre 16 milioni di euro».

«Ora ci confronteremo con un tessuto produttivo differente – prosegue Elsa Bigai – forti però di un know how maturato nella vendita delle macchine agricole e nell’assistenza al cliente, che ci vede qualificati come “Top Partner” di New Holland da sei anni a questa parte. Attualmente il settore macchine e ricambi rappresenta il 20% del volume d’affari del Consorzio Agrario di Treviso e Belluno: siamo fieri di affrontare, grazie a New Holland, questa nuova sfida, che ci permetterà di consolidare la nostra posizione di mercato in Veneto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi orizzonti per il Consorzio Agrario Treviso e Belluno: ecco l'espansione nel Veneto Orientale

TrevisoToday è in caricamento