Sabato, 25 Settembre 2021
Economia

Confartigianato, boom di consumi di energia elettrica: «Treviso prima in Veneto»

I dati dell’Osservatorio Caem confermano i primi segnali di ripresa per le aziende del territorio. Il presidente Oscar Bernardi: «Tornare ai dati pre Covid sarebbe un buon punto di ripartenza»

È boom di consumi di energia elettrica tra le aziende artigiane della Marca. Un ulteriore indicatore che la ripresa è in atto. Lo dimostrano i dati del primo trimestre 2021, resi noti dall’Osservatorio del Caem, il Consorzio Acquisti Energia e Mul-tiutility promosso da Confartigianato. Guardando al campione di imprese dell’osservatorio Caem (4.282 imprese) si rileva che rispetto al primo trimestre 2020 il consumo è salito quest’anno del 3,4% complessivamente. La provincia Treviso fa quasi il doppio, con un più 6,7% collocandosi di gran lunga al primo posto tra le province venete promotrici del Caem.

«L’indicatore dei consumi elettrici dice come stanno le cose - commenta Oscar Bernardi, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana - Se i macchinari e le attrezzature sono in funzione, significa che le aziende lavorano. Il 2021 è partito bene, infat-ti, nel primo trimestre si sono riscontrati i primi segnali di ripresa, differenziati a se-conda della tipologia di attività». Nel 2020, primo anno della pandemia, i consumi elettrici nella Marca erano crollati del 9% rispetto al 2019. Le rilevazioni del Caem relative agli anni preceden-ti confermano una crescita costante che è stata interrotta bruscamente dal Covid. «Speriamo ora non solo che il trend positivo sia confermato e aumenti con le prossime rilevazioni . continua Bernardi - Già sarebbe un risultato tornare ai dati pre Covid, che oggi sarebbero un buon punto di ripartenza, considerata la situazione per altro sempre in divenire che rende difficile alle aziende fare qualsiasi tipo previsione. Si tratta di un segnale incoraggiante che speriamo sia confermato».

Il trend positivo dei consumi di energia di inizio 2021 ha coinvolto la maggior parte dei settori dell’artigianato con le sole eccezioni dell’alimentazione (-2,6% rispetto al primo trimestre 2020) e della moda che segna (-1,6% nello stesso periodo dell’anno prece-dente). Gli aumenti più intensi si osservano per le imprese del settore casa (+7,9%) e del legno e arredo (+6,6%), incrementi probabilmente derivanti dalle detrazioni e in-centivazioni fiscali per le ristrutturazioni. Anche le imprese della produzione hanno re-gistrato un segno positivo (+4,9%) con la meccanica ed elettromeccanica che registra un +5,5% dei consumi elettrici. Crescita dei consumi anche per le imprese della mobili-tà con un +4,5% (carrozzieri, meccanici e trasporto), mentre crescita ridotta per l’artigianato artistico (+2%) ovvero le imprese della ceramica e dei metalli preziosi. In-fine, un risicato aumento dei consumi lo si riscontra anche nelle aziende del benessere (+0,9%) rispetto allo stesso periodo del 2020.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confartigianato, boom di consumi di energia elettrica: «Treviso prima in Veneto»

TrevisoToday è in caricamento