Coronavirus, due nuove convenzioni sanitarie per gli alberghi della Marca

Il presidente di Federalberghi Treviso, Giovanni Cher, illustra i due provvedimenti stipulati in questi giorni. «L'obiettivo è quello di rendere la Marca sempre più Covid-free»

In foto: Giovanni Cher

Lo spirito è quello della ripartenza, l’obiettivo è quello di rendere la provincia di Treviso sempre più sicura dal punto di vista sanitario, accogliente e Covid-free. Per tradurlo, gli albergatori trevigiani hanno predisposto, per loro stessi, i propri dipendenti e familiari, due nuove convenzioni sanitarie e mediche, la prima, “Accoglienza Sicura 2020” stipulata col centro di medicina di Villorba, la seconda con la Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier. Entrambe prevedono, a prezzi agevolati (da 32 ai 45 euro a seconda degli esami), l’esecuzione dei test sierologici nazionali, l’eventuale tampone e varie tipologie di screening o visite specialistiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il turismo - spiega il presidente di Federalberghi Treviso Giovanni Cher - è stato il settore più colpito dalla pandemia, ha perso oltre l’80% del fatturato e per parlare di ripresa bisognerà aspettare il 2021–2022. Alcune strutture hanno chiuso, il personale usufruisce degli ammortizzatori sociali, la riapertura ha confermato un’occupazione camere che non supera il 25% perché mancano interi segmenti turistici che -  invece - in epoca ante Covid previlegiavano la Marca come mèta turistica. Nonostante questo intendiamo affrontare la fase 3 con tutte le sicurezze del caso. Per noi e per il nostro personale - conferma Cher - abbiamo predisposto queste due convenzioni sanitarie che, unitamente al rispetto rigoroso delle norme igieniche, ci consentono di stare tranquilli e di accogliere gli ospiti in sicurezza. Vogliamo far sapere che la nostra provincia non si è fermata al Covid, che le nostre strutture sono belle e sane, che possono accogliere i turisti in totale sicurezza. Ci stiamo praticamente autotassando pur di dare messaggi di sicurezza e salute: il tampone lo fanno solo in presenza di sintomi e temperatura superiore ai 37,5 gradi. Lo scenario è ancora improntato alla grande paura, insieme al turismo soffrono anche gli eventi, rinviati o fortemente ridotti nei numeri. Per parlare di ripresa è indispensabile che torni la fiducia, la voglia di rimettersi in movimento, di visitare i nostri luoghi che sono immersi nel verde e non troppo affollati» conclude Cher.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento