Coronavirus, pioggia di disdette per ristoranti e alberghi della Marca

Confcommercio contrasta il panico e mette a disposizione strumenti concreti per le imprese del terziario, in vista una cassa integrazione semplice e veloce

Federico Capraro

#leimpresenonsifermano#, ma anche #confcommerciocè, “cosa posso fare oggi?” sono questi gli hashtag e gli slogan che oggi Unascom-Confcommercio sta diffondendo. Le disdette piovono in hotel e ristoranti, il commercio langue, i consumatori sono sempre meno, i centri storici decisamente svuotati per non parlare dei mercati. «Ma la battaglia per il coronavirus -afferma Federico Capraro- è una battaglia di tutti e le imprese non si sottraggono alla responsabilità che richiede. Il contrasto del panico e della psicosi passa attraverso la comunicazione adeguata e Confcommercio fin da subito ha avviato la comunicazione necessaria, diffuso con circolari ad hoc il decalogo e numeri utili tramite  tutti i canali ed ora promuove messaggi rassicuranti sulla necessità di non fermare la vita nelle città e nei paesi. L’obiettivo è quello di incidere sull’immaginario di cittadini e consumatori per riportarli alla normalità necessaria, pur nel rispetto delle regole della prevenzione».

«Anche nella serietà della situazione sanitaria stiamo accompagnando le imprese in questo difficile momento e non abbiamo mai fatto mancare alcun servizio -continua Capraro- La stessa Associazione, a Treviso, sta utilizzando lo smartworking con i dipendenti, una risposta professionale intelligente che ora diventa misura di prevenzione concreta ed ottimale. Stiamo lavorando a livello nazionale e regionale per avviare una forma di “cassa integrazione semplice e veloce” che possa permettere di fronteggiare subito il problema, non legata a vincoli stretti di ordine territoriale e stiamo mettendo a punto forme di sostegno per i lavoratori autonomi. Con EbiCom, è in programma un incontro per stanziare, in via eccezionale, risorse per far fronte alla crisi e sostenere sia le imprese che i lavoratori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

  • Il sorriso di Claudia si spegne a soli 56 anni: fatali una malattia e il Covid

Torna su
TrevisoToday è in caricamento