Coronavirus, CNA: «Il Governo contrasti le ordinanze regionali anti-imprenditoria veneta»

E chiede di valutare l’opportunità di istituire un tavolo interistituzionale provinciale

Il coronavirus

«Il Governo contrasti le ordinanze di quelle regioni (es. Basilicata) che impediscono ai nostri imprenditori e loro collaboratori di spostarsi in quelle regioni per consegnare e assemblare i loro prodotti presso i committenti solo perché provenienti dal Veneto. Queste ordinanze creano gravi conseguenze economiche alle nostre aziende». Lo afferma Giuliano Rosolen, direttore di CNA territoriale di Treviso, che ha investito della questione i vertici della CNA nazionale, i quali domani parteciperanno al tavolo ministeriale convocato sull’emergenza Coronavirus.

Nel tavolo ministeriale convocato per domani mattina a Roma tra il Ministro del Lavoro e le Parti Sociali, la CNA chiederà che siano operativi gli ammortizzatori sociali per le imprese di tutti i settori che risiedono nei territori colpiti da Coronavirus, dunque anche il Veneto, che siano neutralizzati i periodi di sospensione e che sia sospeso il versamento dei contributi previdenziali e delle imposte, delle tasse nonché dei relativi adempimenti. «Ricordiamo alle imprese che oggi versano in queste difficoltà a causa dell’emergenza Coronavirus – continua Rosolen - che sono già operativi due ammortizzatori sociali: per l’edilizia e l’industria la cassa integrazione ordinaria e per l’artigianato il fondo FSBA».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’invitare tutti alla prudenza la CNA raccomanda di contrastare gli allarmismi ingiustificati: restano per ora aperte tutte le attività produttive, di servizio e commerciali. Nell’ordinanza emanata ieri dal Presidente della Regione Veneto in materia di contenimento dell’emergenza Coronavirus è prevista infatti solo la sospensione delle manifestazioni e iniziative private o pubbliche di qualsiasi natura oltre alla chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, ma non la chiusura delle attività produttive. La CNA chiede che venga valutata l’opportunità di istituire un tavolo provinciale tra istituzioni, parti sociali e azienda sociosanitaria sanitaria per monitorare il fenomeno e assumere orientamenti e determinazioni opportune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento