Coronavirus, i dati di CNA Veneto: chiuso il 24,8 per cento delle imprese venete

Stop a 1 impresa su 4. Fermo totale per l'80 per cento di chi lavora con i servizi

Per effetto del DPCM dell'11 marzo in Veneto a chiudere i battenti sono state 106.500 imprese. Si tratta del 24,8 per cento del totale regionale. Il dato, impietoso e destinato a crescere, è l'effetto delle nuove misure che allargano ulteriormente la platea dei divieti. Secondo l'Osservatorio della CNA del Veneto* da lunedì la percentuale delle attività che abbasseranno le serrande arriverà crescerà di altri 6 punti percentuali sfiorando così la soglia del 30 per cento.

“Un'impresa su quattro in Veneto ha chiuso i battenti – sintetizza il Presidente della CNA del Veneto Alessandro Conte – ma allarma quello che sta dietro i numeri. Dietro ogni cifra ci sono storie e famiglie che, oltre alle preoccupazioni evidenti per la propria salute e quella dei loro dipendenti, devono fare i conti con il dopo”. Conte non cela infatti le difficoltà per l'oggi, ma anche per quella che si annuncia già una ripresa lunga e complicata. “In questo momento tutti siamo chiamati a fare dei sacrifici per il bene comune. Gli aspetti economici arrivano in seconda battuta, ma è chiaro che anche questo tipo di preoccupazione esiste e qualcuno dovrà farsene carico”. Entrando nel dettaglio delle chiusure ad abbassare la saracinesca sono state 55mila imprese di servizi, vale a dire l'80,7 per cento sul totale regionale. Ferme anche 19mila e 200 attività che operano nel settore della ristorazione, il 73,2 per cento del totale e 27.600 attività che si occupano di commercio al dettaglio, vale a dire il 59,7 per cento del totale.

“Ciò significa che la maggior parte delle pmi e delle imprese artigiane ha optato per la chiusura, seppur temporanea, del proprio esercizio o attività – spiega il segretario della CNA del Veneto Matteo Ribon - Il commercio al dettaglio tiene maggiormente perché comprensivo delle attività che vendono alimentari e beni di prima necessità che, al contrario, in questa emergenza hanno visto aumentare le vendite, nonostante anche qualche difficoltà nell'approvvigionamento delle merci. La scure del decreto si è abbattuta soprattutto sui servizi alle persona (ad esempio parrucchiere ed estetiste), mentre la coda del decreto sta mettendo in seria difficoltà i comparti della moda, delle costruzioni e il settore dell'installazione e impianti. Sono pochi e isolati i casi di ristoratori che hanno deciso di restare aperti comunque, offrendo il servizio di consegna a domicilio, tutti gli altri invece hanno chiuso i battenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

*Elaborazioni e stime su dati Infocamere – Movimprese e Istat

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento