Coronavirus: Assindustria chiede a ogni sua azienda di donare mille euro

Piovesana e Finco: «Vicini a tutte le donne e agli uomini della nostra sanità e del nostro territorio». Lo scopo è quello di donare almeno 100mila euro per contrastare l'emergenza

In foto: Massimo Finco e Maria Cristina Piovesana

Assindustria Venetocentro - Imprenditori Padova Treviso, associazione sempre vicina alla comunità dei propri territori, garantisce una donazione di almeno 100mila euro per contribuire a contrastare l’emergenza sanitaria Covid-19 che sta colpendo il Veneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo ha anche lanciato una raccolta fondi straordinaria tra i propri associati chiedendo a ciascuna impresa un contributo di mille euro. Saranno destinati all’acquisto urgente di ventilatori polmonari per rafforzare le strutture di terapia intensiva, necessari ad affrontare l’emergenza Covid-19 per le Ulss di Padova e di Treviso. L’importo di 100 mila euro sarà reso disponibile già da domani. «Abbiamo più volte sottolineato - dichiarano Maria Cristina Piovesana e Massimo Finco - come l’emergenza coronavirus richieda un’assunzione di responsabilità condivisa, consapevoli che il superamento della grave emergenza sanitaria sia premessa per la ripartenza anche dell’economia e delle imprese, messe duramente alla prova in questo periodo. A nome di tutte le imprenditrici e gli imprenditori di Assindustria Venetocentro, ringraziamo tutti i medici, gli infermieri, i volontari e tutti quanti sono impegnati nello sforzo straordinario che li vede assorbiti ormai da giorni e giorni, con professionalità, spirito di sacrificio e anche rischio personale. A loro va la nostra gratitudine per il lavoro che stanno svolgendo, che ha permesso di gestire una situazione molto complessa e senza precedenti. Per questo, come imprenditori di Padova e di Treviso, abbiamo voluto dare un segno concreto della nostra vicinanza al sistema sanitario pubblico dei nostri territori e a tutta la nostra comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento