La sicurezza al tempo del Covid: nasce Leo, dispositivo ottico che misura le distanze

Il nuovo dispositivo tecnologico supporterà la riapertura dei luoghi pubblici garantendo il distanziamento sociale per evitare i contagi da Coronavirus

Ecco come appare il funzionamento di Leo

Con l’avvio della "Fase II" post Covid-19 dovremo fare i conti con un cambiamento di abitudini e con l’introduzione di nuovi automatismi e il rispetto del distanziamento sociale sarà fondamentale e obbligatorio, come allacciare la cintura di sicurezza in auto oppure mettere il casco in motorino. Ed è per questo motivo che è stato ideato il nuovo dispositivo ottico LEO per misurare le distanze sociali. Installato nei luoghi pubblici o normalmente affollati come uffici, aziende e spazi comuni, LEO calcola la distanza di sicurezza minima tra le persone e, se sono troppo vicine, le avvisa con un segnale acustico. Il funzionamento di LEO è simile a quello dei segnalatori di fumo: una volta installato sul soffitto, salvaguardia la sicurezza delle persone e garantisce il rispetto delle norme vigenti anche in termini di privacy. 

LEO non colleziona infatti alcun dato, non si connette ad alcun dispositivo e la sua installazione è semplice così come il suo funzionamento visto che non prevede alcuna connessione a reti o device. L’efficacia di LEO dipende da un dispositivo ottico che avverte l’affollamento e lo comunica con un segnale acustico ed il suo nome è un omaggio al genio di Leonardo da Vinci, al Leone di San Marco, all’Italia e alle sue eccellenze artistiche e tecnologiche. Il suo cuore è contenuto in un solido le cui forme poliedriche omaggiano il “De Divina Proportione”, il grande studio condotto da Leonardo con Luca Pacioli. La sua particolare simmetria su base pentagonale riflette infatti l'intelligenza matematica che si cela dentro l'oggetto e che ne rende possibile il funzionamento. LEO è prodotto da Wi4b S.r.l, società specializzata in progettazione di soluzioni per l’Internet delle Cose (IoT), in collaborazione con la Design Factory 21AM e con Twin Advisors&Partners Limited, riferimento per le startup tecnologiche e per la space economy. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Queste le parole di Andrea Toppan, CEO di Wi4b S.r.l: “Siamo orgogliosi di aver ideato, sviluppato ed ingegnerizzato una soluzione in tempi così rapidi, che risponda alla richiesta di aiutare le attività del nostro paese ad una riapertura in sicurezza. Il tutto nel massimo rispetto della privacy. Distanti ma vicini, come recita il nostro slogan". Così, invece, Andrea Alessandri di 21AM: “Abbiamo subito colto la sfida di progettare in pochissimo tempo una scocca in grado di accogliere Leo, capace di trovare il suo spazio in questa difficile ripresa ed allo stesso tempo raccontare una storia di ingegno tecnico: ecco quindi l’omaggio a Leonardo ed alla proporzione geometrica, l’utilizzo delle più avanzate tecniche di produzione rapida per una forma semplice ma unica”. Infine, ecco l'opinione del coneglianese Alessandro Sannini, CEO di Twin Advisors&Partners: “Leo rappresenta l’esempio di una tecnologia facile e utile per le persone. La tecnologia utilizzata da LEO è simile per funzionamento ad alcune videocamere installate su alcuni satelliti. Rappresenta un’ottima realizzazione con un ottimo rapporto qualità/prezzo nel mondo dell’Internet delle Cose”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento