"Da Vittorino": il Comune regala una targa per i 50 anni d'attività dei De Vidi

Il sindaco di San Biagio: «L’attività commerciale della famiglia De Vidi è un punto di riferimento per la nostra comunità, dove professionalità e simpatia sono di casa»

La consegna della targa

Cinquant’anni a servizio del paese, sfornando ogni mattina il pane fresco, servendo un caffè o uno snack sempre con il sorriso sulle labbra. La famiglia De Vidi, oggi titolare del locale “Da Vittorino” di Olmi, ha festeggiato l’ambito anniversario il 1^ settembre scorso con autorità, clienti, fornitori ed amici. Presente il sindaco Alberto Cappelletto che, assieme all’assessore alle attività produttive Marco Mion, ha consegnato una targa commemorativa a Vittorino prima della foto di gruppo con i festeggiati, mamma Maria Teresa, il fratello Alvise (super campione paralimpico) e la sorella Monia, a cui si è unito anche il parroco don Edy Savietto.

Era il 1^ settembre 1970 quando Giovanni De Vidi con la moglie Maria Teresa Menegazzi, presero in mano il panificio e bar del paese. Le attività erano comunicanti e assomigliavano già ai “pane & caffè” oggi tanto di moda. Nel 1976, acquistato l’immobile, procedettero ad una prima ristrutturazione: nacque il “Bar Centrale”, storica sede della società ciclistica Pedale Pro Olmi. Dopo vent’anni, nel 1996, alla gestione del bar è subentrato il figlio Vittorino, trasformandolo nel pub snackeria “Doppio Grido”. Nel 2013 Vittorino unificò il locale con il panificio che, dal 2002 dopo la morte del papà, era stato affidato a terzi.

Nel 2015 un’ultima ristrutturazione ha dato vita al locale “Da Vittorino”, attività che vede all’opera uno staff di 20 persone che si occupa anche della pasticceria e della ristorazione. «L’attività commerciale della famiglia De Vidi – ha detto il sindaco – è un punto di riferimento per la nostra comunità, dove professionalità e simpatia sono di casa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

  • Il sorriso di Claudia si spegne a soli 56 anni: fatali una malattia e il Covid

Torna su
TrevisoToday è in caricamento