menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Addetti alla pulizie degli uffici postali senza stipendio da agosto

Denuncia di Fisascat Cisl e Filcams Cgil: 45 dipendenti dell'impresa New Multiservice Global, che si occupa delle pulizie degli uffici postali della Marca, non percepiscono lo stipendio da agosto

Contratto di appalto in scadenza e stipendi non percepiti ad agosto e settembre: questa è la situazione di 45 addetti alle pulizie degli uffici postali della Marca denunciata da Fisascat Cisl e Filcams Cgil.

Il contratto di appalto della New Multiservice Global srl, che fa parte del consorzio Ati Ipram/Prisma, azienda appaltatrice del servizio di pulizia dei 95 uffici postali della provincia di Treviso, scade il prossimo 30 settembre e i 45 dipendenti della ditta sono preoccupati.

Alla scadenza del contratto il servizio passerà a una nuova azienda, che prenderà in carico tutti i lavoratori, che attendono però dall'impresa uscente il versamento di migliaia di euro.

Mancano all'appello la quattordicesima, le retribuzioni di agosto e settembre, il Tfr e il versamento dei contributi e dei rimborsi chilometrici.

“La New Multiservice Global, - spiega Claudia Carafiglia della Fisascat Cisl di Treviso – sta portando i lavoratori allo stremo delle forze economiche. I dipendenti non hanno percepito né la quattordicesima mensilità, né le retribuzioni di agosto e settembre, né i rimborsi chilometrici, così come avanzano il versamento dei contributi a fini pensionistici, oltre che il Trattamento di fine rapporto. I dipendenti sono in tutto 45, per la maggior parte donne, con contratti part time, con figli a carico e sopra i 40 anni di età: in questi giorni, con due mesi di stipendi arretrati, non hanno più neppure i soldi per raggiungere gli uffici da pulire”.

“Saranno inviate comunicazioni al dipartimento provinciale del Lavoro, all’Inps e a Poste Italiane - aggiunge Ildebrando D’Allacqua della Filcams Cgil di Treviso – per denunciare questa situazione e chiedere atto di responsabilità da parte della committente. La stessa drammatica situazione la stanno vivendo anche i dipendenti facenti parte dello stesso appalto in provincia di Belluno e Padova”

Fisascat Cisl e la Filcams Cgil sperano di poter presto dare garanzie e risposte a tutti i lavoratori di questo settore molto frammentato e debole. Intanto, lo scorso 24 settembre si è svolto un incontro con la nuova azienda che dal primo ottobre 2012 prenderà in carico l’appalto e i dipendenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Raid nella notte, negozio islamico dato alla fiamme

  • Cronaca

    Accesso abusivo alle banche dati, finanziere arrestato

  • Attualità

    Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento