menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giulio Sartor, presidente Mom

Giulio Sartor, presidente Mom

MOM, la biglietteria si fa in due per ridurre i tempi d'attesa

Sportelli differenziati smaltire le code. Il Presidente Sartor: “Per l’autostazione di Lungo Sile Mattei, dove resterà la biglietteria automatica, faremo la nostra parte per migliorare la sicurezza”

TREVISO - La biglietteria ex Actt di fa in due per ridurre i tempi di attesa. Avanza spedito il programma di integrazione strategica dei sistemi di bigliettazione, obiettivo prioritario dell’azienda di trasporto pubblico Mom.

Nell’ambito del progetto di realizzazione della nuova autostazione nei pressi della stazione ferroviaria di Treviso, il primo passo per la creazione di servizi intermodali avanzati è il potenziamento della biglietteria in piazzale Duca D’Asta.

“Si tratta di un investimento da circa 50 mila euro che consentirà una riorganizzazione degli attuali spazi per consentire di realizzare quattro nuovi sportelli che, rispetto ai cinque attuali, consentiranno  sostanzialmente di raddoppiare il servizio di biglietteria – spiega il Presidente Mom, Giulio Sartor - Inoltre sarà possibile una organizzazione differenziata con operazioni di sportello dedicate, al fine di migliorare il servizio, riducendo i tempi d’attesa per la nostra utenza. Mom punta quindi a creare un servizio unificato di front-office nell’area individuata come strategica per l’intermodalità del trasporto pubblico”.

Il progetto prevede la chiusura dell’attuale biglietteria all’autostazione di Lungo Sile Mattei (ex La Marca), ma, assicura Sartor, “il servizio sarà comunque garantito all’utenza attraverso una bigliettatrice automatica e rimarrà anche il bar".

"Inoltre, consapevoli delle problematiche legate alla sicurezza dell’area emerse nell’ultimo periodo - prosegue Sartor - abbiamo preso parte in Prefettura ad un vertice su Ordine Pubblico e Sicurezza. In quel contesto abbiamo evidenziato la nostra disponibilità a realizzare un impianto di video-sorveglianza che possa essere collegato alla centrale operativa della Polizia Locale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento