Economia

Elettricità: dal 1° gennaio termina il servizio di maggior tutela per le piccole imprese

Garantita la continuità della fornitura ma con il “servizio a tutele graduali”

Dal 1° gennaio 2021 tutte le imprese con almeno un contatore con  una potenza superiore a 15 kW o che abbiano tra gli 11 e i 50 dipendi o un fatturato che varia tra 2 e 10 milioni di euro,  che ad oggi non abbiano ancora scelto un fornitore di energia elettrica nel libero mercato dell'energia verranno automaticamente "spostate" nel mercato a tutele graduali e si vedranno applicare in bolletta  un prezzo dell'energia calcolato con modalità completamente diverse rispetto a prima, Si tratta di un passaggio automatico e che avverrà  senza interruzione della fornitura,  La previsione è che questo mercato a tutele graduali rappresenti un regime più oneroso rispetto a quello attuale e sia orientato a indirizzare i clienti al mercato libero. Se entro 1 luglio 2021 queste imprese non dovessero ancora aver scelto un fornitore nel lobero mercato, verranno rifornite da quello che si sarà aggiudicato la gara e sarà loro applicato il prezzo di aggiudicazione.

Le imprese che non rientrano nei parametri citati (potenza fino a 15kW, sino a 10 dipendenti, fatturato sino a 2 milioni di euro) non potranno comunque dormire sonni tranquilli.  Avranno infatti 12 mesi per scegliere un fornitore del mercato libero prima essere migrate automaticamente nel mercato a tutele graduali. Analoga situazione investirà anche le famiglie che si riforniscono ad oggi dal Servizio Elettrico Nazionale (SEN)

In questa fase di transizione molteplici sono i soggetti che potrebbero presentarsi alle imprese illudendole con apparenti vantaggi o significativi scontri dietro ai quali molto spesso di nascondono importi maggiorati o addirittura autentiche truffe.
L'invito è quello di contattare l'Associazione prima di siglare qualsiasi contratto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elettricità: dal 1° gennaio termina il servizio di maggior tutela per le piccole imprese

TrevisoToday è in caricamento