Elezioni, CNA Treviso: «Condizioni favorevoli per il rilancio della nostra economia»

«I risultati di questa tornata elettorale, all’insegna di stabilità e continuità, mettono l’Italia e il Veneto nelle condizioni migliori per lavorare da subito a testa bassa al rilancio necessario»

Mattia Panazzolo, direttore di CNA territoriale di Treviso

«I risultati di questa tornata elettorale, all’insegna di stabilità e continuità, mettono l’Italia e il Veneto nelle condizioni migliori per lavorare da subito a testa bassa al rilancio necessario, fondato su riconversione verde, digitalizzazione, infrastrutture e riforme strutturali in tema di fisco, giustizia, pubblica amministrazione, scuola, sanità, lavoro e assetto istituzionale dello Stato, a cominciare dall’autonomia». Lo afferma Mattia Panazzolo, direttore di CNA territoriale di Treviso.

«La piccola-media impresa e l’artigianato stanno pagando un durissimo prezzo alla crisi economica innescata dalla pandemia di Covid-19: stiamo tenendo duro per cercare di rimanere sul mercato e garantire i posti di lavoro, ma è necessario che chi governa, a livello nazionale e regionale, metta in campo risposte celeri ai tanti problemi che da troppi anni bloccano la nostra economia e società – continua Panazzolo -. In questo momento ci sono le condizioni politiche più favorevoli per farlo al meglio: il Recovery Fund è l’attimo fuggente da cogliere per risolvere questioni irrisolte da decenni, consapevoli che fare debito è accettabile solo se produce incremento della produttività e crescita equa e sostenibile. Servono ora visione condivisa, unità di intenti e la capacità di mettere il bene del Paese e della nostra Regione al di sopra di ogni altra considerazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CNA ritiene che il mondo dell’impresa e del lavoro, con le loro rappresentanze, siano, ancor più in questa fase, attori imprescindibili per condividere le politiche di rilancio del Paese e del nostro territorio, saldamente collocati nella casa comune europea. «Le sfide centrali del nostro tempo -­ conclude Panazzolo - dal clima alla riconversione green delle produzioni, dall’accesso equo alle infrastrutture digitali alla sovranità digitale europea, dalla salute pubblica alla difesa dalle pandemie, si vincono solo in una dimensione sovranazionale: la sacrosanta autonomia dei territori deve perciò accompagnarsi alla capacità di pensare e lavorare in ottica un’ampia, consapevoli del destino comune dei popoli europei e della necessità di dare loro una casa comune sempre più funzionale, unita e solidale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento