menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mattia Panazzolo, direttore di CNA territoriale di Treviso

Mattia Panazzolo, direttore di CNA territoriale di Treviso

Elezioni, CNA Treviso: «Condizioni favorevoli per il rilancio della nostra economia»

«I risultati di questa tornata elettorale, all’insegna di stabilità e continuità, mettono l’Italia e il Veneto nelle condizioni migliori per lavorare da subito a testa bassa al rilancio necessario»

«I risultati di questa tornata elettorale, all’insegna di stabilità e continuità, mettono l’Italia e il Veneto nelle condizioni migliori per lavorare da subito a testa bassa al rilancio necessario, fondato su riconversione verde, digitalizzazione, infrastrutture e riforme strutturali in tema di fisco, giustizia, pubblica amministrazione, scuola, sanità, lavoro e assetto istituzionale dello Stato, a cominciare dall’autonomia». Lo afferma Mattia Panazzolo, direttore di CNA territoriale di Treviso.

«La piccola-media impresa e l’artigianato stanno pagando un durissimo prezzo alla crisi economica innescata dalla pandemia di Covid-19: stiamo tenendo duro per cercare di rimanere sul mercato e garantire i posti di lavoro, ma è necessario che chi governa, a livello nazionale e regionale, metta in campo risposte celeri ai tanti problemi che da troppi anni bloccano la nostra economia e società – continua Panazzolo -. In questo momento ci sono le condizioni politiche più favorevoli per farlo al meglio: il Recovery Fund è l’attimo fuggente da cogliere per risolvere questioni irrisolte da decenni, consapevoli che fare debito è accettabile solo se produce incremento della produttività e crescita equa e sostenibile. Servono ora visione condivisa, unità di intenti e la capacità di mettere il bene del Paese e della nostra Regione al di sopra di ogni altra considerazione».

CNA ritiene che il mondo dell’impresa e del lavoro, con le loro rappresentanze, siano, ancor più in questa fase, attori imprescindibili per condividere le politiche di rilancio del Paese e del nostro territorio, saldamente collocati nella casa comune europea. «Le sfide centrali del nostro tempo -­ conclude Panazzolo - dal clima alla riconversione green delle produzioni, dall’accesso equo alle infrastrutture digitali alla sovranità digitale europea, dalla salute pubblica alla difesa dalle pandemie, si vincono solo in una dimensione sovranazionale: la sacrosanta autonomia dei territori deve perciò accompagnarsi alla capacità di pensare e lavorare in ottica un’ampia, consapevoli del destino comune dei popoli europei e della necessità di dare loro una casa comune sempre più funzionale, unita e solidale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Monastier, nuova tecnica 3D per gli interventi a spalla e ginocchio

  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento