Emergenza Covid-19: la sicurezza garantita dalle spedizioni online

Spedire o ricevere un pacco è la soluzione più sicura. Ecco le restrizioni e raccomandazioni

In questi tempi confusi che tutti noi stiamo vivendo, ci sorgono dubbi di ogni tipo. Oggi vogliamo parlare della sicurezza nella spedizione e nella consigna di pacchi durante questa crisi del Coronavirus. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che la probabilità che una persona infetta contamini le merci è bassa e che anche il rischio di contrarre il nuovo virus da un pacco che è stato spostato, trasportato ed esposto a differenti condizioni e temperature è veramente minimo.

Il nuovo DPCM dello scorso 3 novembre ha introdotto delle ulteriori misure per contrastare la diffusione del virus Covid-19. Tuttavia, rispetto agli scorsi provvedimenti governativi, non si registrano nuove restrizioni per quanto riguarda il mondo delle spedizioni e dei trasporti in generale.

Per abbattere il rischio di nuovi contagi, uno dei consigli da seguire per ridurre le esposizioni non strettamente necessarie è quello di spedire pacchi sul web. Chi ha la necessità di fare acquisti o inviare pacchi in un’altra città, sia per lavoro che per esigenze personali, può usufruire dei servizi di spedizioni online in Europa e attivi in tutto il territorio nazionale.

Restrizioni e raccomandazioni previste per le spedizioni

Come già accennato, il recente provvedimento governativo ha diviso l’Italia in tre fasce di rischio, assegnate in base al numero di contagi a livello regionale e allo stato di emergenza delle sanità locali. L’ultimo DPCM, però, non ha coinvolto il mondo dei trasporti né il settore delle spedizioni.

I principali corrieri espresso, così, continueranno a ritirare e consegnare pacchi come prima. Al limite potrebbero esserci dei ritardi nelle cosiddette zone rosse, dovuti alle limitazioni della circolazione nelle aree soggette a maggiori restrizioni.

Per il resto, le regole da seguire nelle spedizioni online sono dettate più che altro dal buon senso e dalle raccomandazioni degli stessi corrieri espresso.

Ad esempio la consegna del pacco al corriere, il quale lo viene a ritirare a domicilio, di per sé non rappresenta un pericolo se viene rispettata la distanza di sicurezza e tutti indossano la mascherina. Tra le raccomandazioni degli spedizionieri c’è anche quella di disinfettare i pacchi in consegna e indossare correttamente dei guanti al momento del ritiro.

Le spedizioni online: contro gli assembramenti e a basso rischio di contagi

In una fase economica già difficile, a causa del coronavirus e della conseguente chiusura di innumerevoli attività, molte aziende e uffici non possono evitare di spedire pacchi e documenti, specialmente in quei settori nei quali le vendite avvengono esclusivamente sul web.

Per questo motivo la spedizione online rappresenta l’unica soluzione in grado di ridurre al minimo il rischio di contagi e garantire il corretto proseguo di tali attività.

Al contrario le spedizioni tradizionali, ad esempio quelle che si avvalgono di Poste Italiane, prevedono di andare direttamente presso l’ufficio postale e, nella maggior parte dei casi, di mettersi in coda per un tempo prolungato, con l’inevitabile esposizione al rischio di contrarre il Covid-19.

Con le spedizioni online, invece, si può fare tranquillamente tutto con un semplice computer e in pochi click. Ma c’è di più: grazie alle speciali convenzioni con i principali spedizionieri europei, le tariffe sono addirittura più convenienti rispetto alle spedizioni tradizionali.

In conclusione, le spedizioni online rappresentano la soluzione ideale per non fermare molte attività economiche e allo stesso tempo scongiurare la diffusione del Covid-19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento