Venerdì, 24 Settembre 2021
Economia

Energia elettrica, continua la rivoluzione del mercato libero

Oscar Bernardi, presidente Confartigianato Imprese Marca Trevigiana: "E' fondamentale accompagnare realtà produttive e privati per tutelarli da proposte ingannevoli dietro alle quali si nascondono importi maggiorati o addirittura autentiche truffe"

Continua l’iter di liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica per le imprese, che procede di pari passo con l’aumento dei casi segnalati di truffe a danno delle stesse. La prossima tappa sarà gennaio 2023. Sarà la volta delle imprese con potenza fino a 15 kW e delle famiglie attualmente alimentate da SEN (Servizio Elettrico nazionale) che, se non individueranno un fornitore  nel mercato libero, verranno obbligatoriamente rifornite da chi vincerà l’asta territoriale, che verrà avviata presumibilmente nel 2022.

"In questo momento di profonda evoluzione del mercato dell’energia è fondamentale accompagnare realtà produttive e privati per tutelarli da proposte ingannevoli dietro alle quali si nascondono importi maggiorati o addirittura autentiche truffe. Per questo il sistema Confartigianato Imprese Marca trevigiana mette a disposizione i referenti degli sportelli CAEM, Consorzio Acquisti Energia & Multiutility costituito anche da Confartigianato, per consulenze gratuite, specializzate finalizzate a orientare imprenditori e privati nella scelta del fornitore più idoneo alle loro specifiche esigenze" dice Oscar Bernardi, presidente Confartigianato Imprese Marca Trevigiana.

L’invito è di non attendere la fine del 2022 per scegliere il proprio fornitore ma di mettersi in contatto con i referenti degli sportelli energia per conoscere le molteplici proposte di fornitura di Caem. Il valore aggiunto di rivolgersi all’Associazione è anche quello di avere un riferimento presente nel territorio e non un anonimo call center. "Il Consorzio negozia da anni le tariffe elettriche e del gas per conto delle imprese aderenti che oggi sono circa 8.000 e assicura uno sconto importante anche per l’elettricità e il gas utilizzato nelle abitazioni. Per quanto riguarda le forniture domestiche sono stati conseguiti  risultati rilevanti, visto che sono più di 40.000 in tutta Italia, i contratti gas ed energia elettrica attivati grazie alla proposta del CAEM con AIM Energy, soggetto che ha saputo bene interpretare le esigenze di risparmio delle nostre famiglie" conclude Bernardi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energia elettrica, continua la rivoluzione del mercato libero

TrevisoToday è in caricamento