Export trevigiano in calo: non accadeva da 7 anni

Nei primi 6 mesi del 2019 l’export trevigiano si contrae del -1,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso: pesa il rallentamento delle vendite verso la Germania

Dati preoccupanti per l'export trevigiana dal rapporto stilato in questi giorni dalla Camera di Commercio di Treviso e Belluno. Nella Marca l’andamento tendenziale delle esportazioni nei primi sei mesi del 2019 (-1,5%) conferma quanto già evidenziato dai dati al primo trimestre 2019 (-1,7%). Spicca, in particolare, il repentino rovesciamento di fronte, rispetto alla situazione di un anno fa, quando l’export trevigiano cresceva del +6,1%.

Rispetto ai valori esportati nei primi 6 mesi del 2018, mancano all’appello circa 100 milioni di euro. Ne sono causa principale: la contrazione delle vendite verso la Germania (-2,9%, -26 milioni), la contrazione delle vendite/flussi in conto lavorazione verso la Romania (-6,4%, -19,5 milioni) e verso la Repubblica Ceca (-9,5% -15 milioni), una cospicua contrazione dei flussi verso Cina/Hong Kong (-13,1%, -31 milioni), verso la Turchia (-20,7%, -14 milioni) e verso l’Australia (-18,5%, -14 milioni). Più sottotraccia si evidenza una diffusa contrazione delle vendite trevigiane verso i mercati Ue ed extra-Ue non rientranti fra i primi dieci: in termini aggregati queste contrazioni generano un ammanco di quasi 28 milioni per l’area Ue, e di oltre 83 milioni per l’area extra-Ue. In ambito Ue, compensano, in positivo, il mercato francese (in tenuta), il mercato spagnolo (in significativa ripresa: +8,1% quasi +27 milioni) e il temuto Regno Unito (+6,9%, +31 milioni): fiammata che tuttavia sembra scontare una sorta di “corsa anticipata” agli acquisti prima che il peggio accada (uscita dall’Ue senza accordo). In ambito extra-Ue la generalizzata flessione delle vendite trevigiane del -3,5% (contro il +7,5% di un anno fa) trova eccezione solo nei flussi verso gli USA (+3,7%, pari a quasi +18 milioni, ben distante però dal +15,8% di un anno fa), verso la Russia (+3,6%, +5,1 milioni), verso il Canada (+11,3%). In forte discontinuità positiva, infine, il flusso export verso l’India: nei primi sei mesi 2018 i valori esportati erano attorno ai 32 milioni, nei primi sei mesi 2019 sono passati ad oltre 74 milioni (+132%). In termini settoriali, metà della contrazione dell’export trevigiano è spiegata dalle minori vendite dei macchinari (-4,5%), a comprova delle difficoltà che oggi sta incontrando la domanda di beni di investimento. Più oltre si esaminano le dinamiche settoriali di dettaglio.

Nel primo semestre 2019 le esportazioni trevigiane, pari a 6 miliardi e 650 milioni, sono diminuite, su base annua, del -1,5% (-102,5 milioni) mentre le importazioni, pari a 3 miliardi e 592 milioni, accusano una battuta d’arresto (-0,7%). Dall’analisi per tipologia di beni e con riferimento alle esportazioni è chiaro che quasi tutta la flessione (-102,5 milioni) è spiegata dalla contrazione riscontrata nell’industria dei macchinari industriali, dell’elettrodomestico e dell’abbigliamento. Per i macchinari industriali, prima voce dell’export trevigiano la flessione, si estende anche al secondo trimestre dell’anno: le vendite all’estero registrano un -4,5% (da 1.223 a 1.168 milioni) rispetto al primo semestre 2018, che in valori assoluti corrisponde ad una perdita di -54,7 milioni. La diminuzione si osserva sia nei Paesi intra Ue28 (-3,3%) che in quelli extra Ue28 (-5,7%). Nei Paesi comunitari la contrazione più importante, in termini di valore, è verso la Romania (-54,2%; da 50,6 a 23,2 milioni di euro), ma non sono trascurabili le perdite di oltre 5 milioni verso la Germania (-4,5%), primo Paese di destinazione, e verso la Svezia (-16,2%). Queste flessioni non sono compensate dalle buone performance verso la Spagna (+49,5%; da 43,6 a 65,3 milioni), la Francia (+11,8%; da 85,7 a 95,8 milioni) ed il Regno Unito (+19%; da 41,7 a 49,6 milioni). La contrazione nei Paesi extra Ue è da imputare, invece, oltre che ad una diminuzione delle vendite verso la Germania (-6,6%; da 98 a 91,6 milioni), l’Egitto (-29,4%; da 22 a 15,6 milioni) e la Turchia (-32,3%; da 19,9 a 13,5 milioni) alle forti flessioni verso la Corea del Sud (-78,4%; -37 milioni) ed il Vietnam (-80,1%; -16,5 milioni). Il secondo settore a perdere maggiormente in valori assoluti, è quello dell’elettrodomestico, anch’esso già in perdita al primo trimestre, che ora al bilancio di metà anno accusa una diminuzione delle esportazioni pari al -7,0% (da 563,9 a 524,5 milioni). Le vendite verso i Paesi intra Ue diminuiscono del -5,2% soprattutto per effetto delle contrazioni verso la Germania (-24,3%; da 70,6 a 53,4 milioni) e verso la Spagna (-27,4%; da 36 a 26 milioni) nonostante i positivi risultati verso la Repubblica Ceca (+44,9%; da 14,7 a 21,4 milioni) e la Romania (+32,4%; da 11,5 a 15,3 milioni). Le vendite verso i Paesi extra Ue crollano invece del -10,3% in primis per la perdita di oltre 7 milioni verso la Russia (-21,7%) e di oltre 6 milioni verso l’Australia (-31,4%). Tra i settori del made in Italy l’abbigliamento è il settore in maggiore sofferenza: le vendite all’estero perdono un -9,6% (da 402,7 a 364,2 milioni) ed evidenziano una generalizzata flessione in quasi tutti i principali Paesi intra ed extra Ue. Le specificità del settore trevigiano ci costringono a sospendere ogni commento in merito alle motivazioni di quest’andamento fortemente influenzato da dinamiche congiunturali. In calo, ma in misura minore, anche le altre eccellenze del made in Italy: l’industria del mobile con un -1,5% (da 900,4 a 887,2 milioni di euro) e la calzatura con il -1,3% (da 539,2 a 532,1 milioni di euro). Il settore delle bevande, che aveva il segno positivo fino al primo trimestre 2019, evidenzia la prima seppur debole variazione negativa pari al -0,6% (da 347,1 a 344,9 milioni di euro) a causa della contrazione verso l’Area intra Ue28 (-4,0%) non sufficientemente compensata dalle maggiori vendite nell’Area extra Ue28 (+4,4%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questa cornice tendenzialmente negativa del primo semestre dell’anno si inseriscono comunque settori le cui vendite sono in aumento rispetto al 30 giugno del 2018: la carpenteria metallica: +4,8% (da 398,9 a 418,2 milioni); i prodotti alimentari: +5,5% (da 239 a 252 milioni); i mezzi di trasporto e la componentistica: +1,5% (da 260,7 a 264,5 milioni); i prodotti in gomma e plastica: +0,4% (da 291,9 a 293,1 milioni). Dall’analisi per mercati di destinazione delle esportazioni trevigiane si osserva che risultano in stagnazione quelle in ambito Ue28 (-0,5%) ed in flessione quelle verso i mercati extra-Ue28 (-3,5%). Nel dettaglio, in ambito Ue28 diminuiscono in particolare le esportazioni verso il nostro partner storico, la Germania (-2,9%; da 897,3 a 871,2 milioni) che già risultavano poco più che stazionarie a giugno 2018. Il calo molto pronunciato delle esportazioni di elettrodomestici (-24,3% pari a -17,2 milioni) genera il sospetto di una riorganizzazione sovranazionale dei flussi di filiera. In calo però anche l’abbigliamento (-11,7% pari a -7,3 milioni), i macchinari (-4,5% pari a -5,2 milioni) e le bevande (-9,1% pari a -4,9 milioni). Tiene invece l’export dell’industria del mobile (+5,3% pari a +6,7 milioni) prima voce per valore esportato in Germania. Volgono in negativo anche le esportazioni verso la Romania (-6,4%; da 304,4 a 284,9 milioni) su cui pesa il calo dei macchinari (-27,4 milioni), la Repubblica Ceca (-9,5%; da 153,3 a 138,8 milioni) penalizzata dalla contrazione della componentistica per mezzi di trasporto (-24,2 milioni) e il Belgio (-4,9%; da 159,8 a 152,0 milioni) dopo i valori positivi dell’anno precedente. In rimbalzo positivo, dopo il segno negativo dell’anno scorso, il risultato verso il Regno Unito (+6,9%; da 444,0 a 474,7 milioni). Tra le prime voci merceologiche più importanti in termini di valore, ad eccezione delle bevande che accusano una flessione del -8,2%, si distinguono le vendite del mobile (+2,2%), prima voce esportata in Regno Unito, dei macchinari (+19%), di calzature (+12,1%), di elettrodomestici (+5,5%) e di mezzi di trasporto e componentistica (+15,0%). Nei mercati extra Ue28 (-3,5%) continuano a crescere le vendite verso gli Stati Uniti (+3,7%; da 475,6 a 493,4 milioni), principale partner trevigiano al di fuori dell’Unione Europea: gli aumenti più consistenti, attorno ai 6 milioni di euro, si osservano per le vendite di bevande (+7,9%) e di prodotti alimentari (+70,9%). Più contenuta la crescita dei mobili (quasi 3 milioni, +2,7%), tornano in positivo le vendite di elettrodomestici (+8,8%), dopo la flessione a due cifre di un anno fa, mentre accusano una forte contrazione le vendite di macchinari industriali (-6,6%) dopo la crescita a due cifre di giugno 2018.
In netta contrazione invece l’export trevigiano verso il secondo mercato extra Ue28, Cina e Hong Kong (-13,1%). Verso questi Paesi pesano le contrazioni di vendite di gioielli (-8,2%), di mobili (-16,3%), di prodotti in gomma e plastica (-29,0%), di calzature (-15,4%), ma soprattutto di elettronica, apparecchi medicali e di misurazione (-56,4%, -5 milioni). Positivo invece l’export di macchinari industriali (+1,7%) che perdeva il -18% un anno fa ed in pieno recupero le vendite di elettrodomestici (+11,0%). In contrazione anche le esportazioni verso la Svizzera (-5,1%), l’Australia (-18,5%), la Turchia (-20,7%) ed Israele (-7,1%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Macabro ritrovamento in serata: scoperto un cadavere vicino al Melma

  • Cronotachigrafo "truccato" e mezzo sovraccarico: camionista stangato

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

Torna su
TrevisoToday è in caricamento